Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Romagnano uomo defeca in strada davanti alla telecamera: 3300 euro di multa
Attualità Novarese -

Romagnano uomo defeca in strada davanti alla telecamera: 3300 euro di multa

E’ una persona non residente in paese che per più giorni ha imbrattato una via. Motivo? «A quell’ora i bar sono chiusi»

Arrivano le telecamere

Romagnano uomo defeca in strada davanti alla telecamera: 3300 euro di multa. La polizia municipale ha dato un volto al “didietro” che tutti i giorni, tra le 6 e le 7,30, con una regolarità decisamente invidiabile, depositava i resti della digestione in una via vicina alla scuola dell’infanzia.

Romagnano uomo defeca in strada davanti alla telecamera: 3300 euro di multa

Si tratta di un uomo sulla cinquantina, non residente a Romagnano e apparentemente non affetto da disordini psicologici. Il motivo? A quell’ora, ha detto agli agenti, deve essere in paese per motivi famigliari e «di prima mattina i bar sono chiusi». Un orario che purtroppo, ha anche specificato, che coincide con quello dei suoi bisogni.

Le segnalazioni dei cittadini

A far scattare l’allarme sono stati gli abitanti della via in questione, laterale rispetto al passaggio principale ma pubblica, che da un po’ di tempo tutte le mattine trovavano sempre mucchietti maleodoranti vicino ai muri. Erano coperti di carta igienica, quindi evidentemente gli escrementi non potevano essere di cane. «Continuavamo a passare a pulire, non era normale – dice il sindaco, Alessandro Carini -, così ci siamo insospettiti. Tra l’altro quella è una zona dove possono passare i bambini della vicina scuola dell’infanzia. Con la polizia municipale abbiamo installato delle foto trappole nascoste, e dalle immagini abbiamo visto, sconcertati, un uomo che tutte le mattine utilizzava quel tratto di strada come gabinetto».

Collaborazione

«Grazie alla collaborazione degli abitanti, abbiamo fatto degli appostamenti all’interno di un palazzo lì vicino – afferma la comandante della polizia municipale, Anna Assi – prendendo servizio alle 6. Avevamo le immagini della fotocamera, ma ovviamente non bastavano per un’accusa». Quando l’uomo è arrivato ed ha iniziato a defecare, gli agenti sono scesi cogliendolo in flagranza. Il reato contestato è di atti contrari alla pubblica decenza, che prevede una sanzione amministrativa che può arrivare fino a 10mila euro. Nello stesso tempo l’uomo è stato obbligato a pulire dove aveva sporcato. «Arrivo da Roma – commenta Assi -. Sono stata in servizio anche in quartieri a dir poco degradati, ma un caso simile non mi era mai capitato».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *