Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Scopello cucciolo di cane pastore sbranato da lupi
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Scopello cucciolo di cane pastore sbranato da lupi

Allevatore arrabbiato dopo quanto successo. Il caso finito sul gruppo Facebook “Il nuovo cacciatore”.

Scopello cucciolo di cane pastore sbranato da lupi. Allevatore arrabbiato dopo quanto successo: «Così si svuota la montagna».

Scopello cucciolo di cane sbranato

Non solo caprioli, ma adesso anche un cucciolo di cane è stato sbranato dai lupi. La segnalazione è stata rilanciata dal gruppo Facebook “Il nuovo cacciatore” che ha raccolto lo sfogo di un allevatore valsesiano. «Il cucciolotto di tre mesi – si legge – era appartenente a una razza particolarmente tutelata: il cane da pastore di Oropa, o se preferite cane da pastore biellese».

L’attacco

Sono bastati pochi attimi perché venisse attaccato: «Il cane era libero nel cortile della fattoria del suo padrone, giovane allevatore e cacciatore alpino, quando uno o più lupi sono entrati, compiendo questo scempio. È accaduto a Scopello.
EGGI ANCHE: Animale sbranato vicino alla pista di fondo: foto choc a Riva Valdobbia

La rabbia dell’allevatore

Immaginabile lo sconforto e la rabbia del giovane allevatore che ha scritto sulla sua pagina un post molto duro. «Se continueremo così – scrive – la montagna verrà presto abbandonata, consegnata a boschi e foreste, a cinghiali e lupi. Noi lo diciamo da anni, ma purtroppo le regole del gioco le scrivono altri, e le scelte che poi impattano sul mondo rurale vengono assunte in quelle stesse città dove la gente non respira l’aria pura dei monti, ma rischia malanni causati da smog e inquinamento. Però decide per tutti gli altri».

Il lupo non si tocca

E rincara la dose: «Se poi si tratta di lupo allora i fanatismi si moltiplicano a dismisura, e questi talebani dell’animal-ambientalismo più deteriore, sbraitando come isteriche comari, riescono sempre a spuntarla, convincendo i politici che il grande predatore carnivoro è specie in pericolo, a rischio d’estinzione, e quindi bisogna lavorare per proteggerlo e favorire la coesistenza con le comunità rurali».

6 Commenti

  • Marcello ha detto:

    Compra 2 pastori maremmani oppure ancora meglio 2 pastori del caucaso e vedrai che non solo i lupi ma nemmeno gli orsi oseranno avvicinarsi alla proprieta

    • Gianluca ha detto:

      Forse con i subalterni del branco ma se in azione c è il capo brando ci puoi mettere anche una squadra di kangal ma per il cane non ci sarebbe storia

    • Alexio ha detto:

      Ben detto! In più,essendo un cucciolo di tre mesi,quindi una facile preda è ovvio che i lupi ne abbiano approfittato!!

  • Roberto ha detto:

    Sempreche’ i lupi non se li mangino prima che i cuccioli diventino adulti…potrebbe succedere ancora, perché ormai conoscono il luogo del delitto…😁

  • Riccardo ha detto:

    È un problema di territorio, rispetto l allevatore perché compie enormi sacrifici per conservare un territorio che altrimenti oltre che a diventare bosco potrebbe essere pericoloso per l’abbandono vedi cause idrogeologico. Boschi ce ne sono abbastanza per la fauna selvatica. Oltre quel confine diritto di difendersi.
    Coltivatore viticolo delle cinque terre. Da noi capriolo cinghiali e no uva

  • Guido ha detto:

    I pastori maremmani sono sempre stati usati sa nostri avi per difernedersi dai lupi…d’altronde sono sempre cani non tigri o leoni…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente