Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Scuole aperte malgrado la pioggia: insulti e minacce al sindaco
Attualità Fuori zona -

Scuole aperte malgrado la pioggia: insulti e minacce al sindaco

Accade a Moncalieri. Il primo cittadino: "Non denuncio: i ragazzi hanno bisogno di esempi e non di lezioni".

scuole aperte

Scuole aperte a Moncalieri: l’annuncio del sindaco su Facebook scatena il caos.

Scuole aperte

Il sindaco di Moncalieri annuncia l’intenzione di tenere le scuole aperte malgrado il maltempo. E sui social network alcuni utenti danno il peggio di sé. «Tua madre morta», «Dovevano abortirti» e altri messaggi con insulti e imprecazioni hanno fatto seguito al post di Paolo Montagna.

La replica

«Cari ragazzi – ha risposto il sindaco, con un altro post – volevo dirvi che li ho letti tutti i vostri messaggi, come faccio sempre. Mi rivolgo a voi, direttamente. Mi rivolgo a chi ha scritto e a chi ha approvato con un like. A voi che siete, nessuno escluso, il nostro futuro. A voi che siete la prima ragione per cui ho scelto di impegnarmi, oggi, nel servizio verso la Comunità; ma anche ieri, nel ruolo di educatore. Perché quando ripeto che ho scelto di essere il Sindaco per costruire una Moncalieri migliore di quella che ho ereditato, penso a voi che sarete i protagonisti della nostra Città. Penso a voi, al vostro talento, e al mio e nostro dovere di creare occasioni perché lo possiate dimostrare».

“Modelli ed esempi, non denunce”

«Qualche annetto fa, come voi, ho avuto 16, 17, 18 anni – prosegue Montagna – E mentre facevo tante cazzate, ho avuto la fortuna di incontrare chi, facendo anche fatica, mi instillava il dubbio che si potesse fare in un altro modo. È un dubbio che vi auguro di ascoltare, sempre. Per questo, a chi mi ha consigliato di denunciare chi ha scritto questi commenti, ho spiegato che non è questo il mio compito. Ho spiegato che i ragazzi hanno bisogno di modelli e di esempi, non di lezioni di comportamento. E allora voglio dirvi che come Sindaco compio scelte ogni giorno e mi sforzo di fare le scelte che ritengo più giuste. Voglio dirvi che le scelte del sindaco che voglio essere non sono assunte sulla base del consenso che possono produrre, ma si fondano su quello che ritengo l’interesse di Moncalieri e dei moncalieresi. Voglio dirvi che so di poter sbagliare ma che non smetto mai di cercare un rimedio. Voglio dirvi che rivendico le scelte che compio, ma ascolto sempre le ragioni degli altri».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente