Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Scuole Valduggia in maschera: così si sostituisce il carnevale “vero”. Guarda le foto dei piccoli
Attualità Borgosesia e dintorni -

Scuole Valduggia in maschera: così si sostituisce il carnevale “vero”. Guarda le foto dei piccoli

Due alunni hanno impersonato Re Zors e Marjin, i compagni la corte e il seguito.

Scuole Valduggia in maschera carnevale 2021

Scuole Valduggia ridanno vita al Carnevale, annullato per la pandemia: ci sono anche i piccoli Re Zors e Marjin.

Scuole Valduggia fanno Carnevale

Un Carnevale “in miniatura”: due alunni diventano Re Zors e Marjin, i compagni completano la corte e il seguito. Sono i bambini della scuola primaria di Valduggia ad essersi presi il compito di “sostituire” il carnevale in paese, annullato causa Covid in quasi tutti i suoi appuntamenti.
Giovedì, gli alunni più grandi, quelli di quinta, hanno indossato i vestiti del “comitato carnevale Mataj” (sul modello del gruppo mascherato Famaj di Orcarale), e due di loro hanno impersonato i regnanti del carnevale valduggese, mentre i bambini dalla prima alla quarta si sono mascherati secondo un tema scelto in classe.

Fai scorrere le immagini per vedere tutte le fotografie

Micro-eventi

Non ha potuto essere una festa comune, ma interna a ciascuna classe: «Ovviamente anche per il carnevale siamo stati costretti a evitare assembramenti – spiega Angela Volpe, maestra e fiduciaria dell’istituto scolastico valduggese -: le festa si è svolta soltanto nelle classi e non nei corridoi come accadeva gli scorsi anni». Ogni classe condividerà i festeggiamenti con le altre nella settimana successiva alle vacanze di carnevale: «E’ stato realizzato un video con quanto organizzato in ciascuna classe: il filmato sarà condiviso tra tutte le classi al ritorno dalle vacanze di carnevale. Lo stesso filmato sarà inviato anche al “vero” comitato carnevale di Valduggia».

In dialetto

Per la festa di carnevale è stata fondamentale la collaborazione di alcuni valduggesi: «I bambini della quinta ringraziano la nonna Caterina Bocciolone per le scritture in dialetto con cui si sono cimentati e divertiti a leggere – conclude Volpe -, e Luisa Palladino che ha recuperato i vestiti della tradizione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *