Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Si respira arte nelle contrade di Varallo: inaugurato lo spazio IoTiAmo

L’inaugurazione si è conclusa con un intervento del poeta Stefano Francoli sul tema della digitalizzazione.

Una domenica nelle contrade a respirare arte. Inaugurato ufficialmente il salotto “IoTiAmo”.

Si respira arte nelle contrade di Varallo: inaugurato lo spazio IoTiAmo

Un evento per celebrare l’amore per l’arte che ha confermato la zona delle contrade storiche di Varallo come fulcro delle attività cittadine. Il centro storico è stato il vero protagonista della domenica dedicata all’evento “Amore per l’Arte” nato dalla sinergia dell’associazione culturale creativa “ACC” e della banda musicale “Città di Varallo”. Un progetto nato per promuovere il connubio tra artisti di tutte le discipline creative e incoraggiare il dialogo attraverso una serie di iniziative in luoghi e spazi diversi, compresi anche quelli ritenuti non convenzionali. Per l’occasione l’artista relazionale Antonio Spanedda ha voluto, alla presenza delle autorità cittadine e accompagnato dalla musica della banda, donare alla cittadina ai piedi del Sacro Monte una sua opera che sarà visibile in via Don Giuseppe Maio e nello stesso tempo inaugurare ufficialmente il suo spazio in via Alberganti, “Salotto IoTiAmo”.

«Si tratta – ha spiegato l’artista – di uno spazio dedicato alle relazioni dell’arte, aperto liberamente al pubblico amante dell’arte o che si vuole avvicinare al mondo dell’arte. Uno spazio d’incontro dove chiunque potrà venire a raccontare la propria esperienza con l’arte e non solo. Con questo proposito saranno invitati poeti, giornalisti, esperti d’arte e visionari che animeranno i dialoghi con la volontà di stabilire una connessione tra storia e futuro. Inoltre sono previste alcune rassegne espositive che verranno allestite direttamente all’interno di questo spazio realizzate in collaborazione con alcuni artisti provenienti dall’Accademia di Brera che ospiteranno anche giovani promesse dell’arte contemporanea».

All’evento hanno preso parte anche gli artisti e gli artigiani che hanno la propria bottega all’interno di via Alberganti, conosciuta come “Contrada del Burro”, che in questo ultimo periodo sono tornati ad animare queste vie storiche con i loro manufatti, frutto della propria creatività, molto apprezzati non solo da chi visita Varallo ma anche dai cittadini anche se non tutti sanno dell’esistenza di queste nuove botteghe.

L’evento si è concluso con l’intervento del poeta Stefano Francoli che, all’interno del “Salotto IoTiAmo” ha trattato il tema delle innovazioni del digitale e “La reinvenzione del mondo” attraverso le nuove tecnologie.

Un Commento

  • Pietro Cozzi ha detto:

    Complimenti agli organizzatori del “Salotto Io ti amo” con l’augurio che possa diventare un momento di arte e cultura oltre che di aggregazione per le solite quattro chiacchiere tanto piacevoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *