Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Stretta sui supermercati a Pasqua e Pasquetta. E divieto di recarsi nelle seconde case da fuori regione
Attualità Borgosesia e dintorni -

Stretta sui supermercati a Pasqua e Pasquetta. E divieto di recarsi nelle seconde case da fuori regione

Ecco l'ordinanza della Regione Piemonte.

Stretta sui supermercati a Pasqua e Pasquetta. E divieto di recarsi nelle seconde case da fuori regione. Ecco l’ordinanza della Regione Piemonte.

Stretta sui supermercati a Pasqua e Pasquetta. E divieto di recarsi nelle seconde case da fuori regione

Supermercati chiusi dalle ore 13 del giorno di Pasqua e per l’intera giornata di Pasquetta in zona e in tutto il Piemonte. La chiusura vale per le grandi strutture di vendita la cui superficie supera i 1.500 metri quadri nei comuni fino a 10 mila abitanti e 2.500 metri quadri nei comuni con più di 10mila abitanti. La chiusura riguarda anche le medie strutture di vendita, la cui superficie è compresa tra 151 e 1.500 metri quadri nei comuni fino a 10 mila abitanti e con superficie tra 251 e 2.500 metri quadri nei comuni con più di 10 mila abitanti.
LEGGI ANCHE: Incidenza contagi: migliora Vercelli, peggiora Biella

Divieto di recarsi nelle seconde case fuori regione

Inoltre in Piemonte a partire dalla mezzanotte di oggi, 1 aprile, e fino a lunedì 5 aprile compreso, è vietato recarsi nelle seconde case per coloro che non sono residenti sul territorio regionale. E’ quello che stabilisce l’ordinanza regionale emanata dal presidente Alberto Cirio.

“Limitare le occasioni di assembramento”

“Questa misura ha evidentemente la finalità di limitare le occasioni di assembramento in questi giorni di festa – sottolinea il presidente Cirio -, ma con la volontà di garantire le piccole attività di vicinato che potranno continuare a offrire il servizio e come segno di rispetto per dare un momento di riposo alle lavoratrici e i lavoratori della grande distribuzione, che da un anno con grande dedizione stanno anche loro garantendo un servizio essenziale per le nostre comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *