Seguici su

Attualità

Tagliare piante lungo le strade: ordinanza a Gattinara

La manutenzione dovrà essere fatta entro il 18 marzo.

Pubblicato

il

taglio piante

Tagliare piante lungo le strade: ordinanza a Gattinara. I proprietari di terreni sui quali sorgono alberi, arbusti e rampicanti a bordo strada sono tenuti ad adottare gli accorgimenti di manutenzione ordinaria e straordinaria al fine di evitare pericoli al traffico sia veicolare che pedonale.

Tagliare piante lungo le strade a Gattinara

E’ purtroppo diffuso il fenomeno di piante e siepi che protendono rami, foglie e fronde verso la sede stradale, invadendola e ostruendo il campo visivo agli utenti della strada nonché la leggibilità della segnaletica. L’ordinanza prevede che si provveda alla manutenzione entro il 18 marzo, e quindi almeno due volte all’anno entro il 31 marzo e il 30 novembre. La mancata esecuzione della messa in sicurezza comporta responsabilità civili e penali per qualsiasi incidente o danno.

Per limitare la crescita incontrollata di vegetazione

«Questa ordinanza – spiega il sindaco Maria Vittoria Casazza – intende limitare il fenomeno causato dalla crescita incontrollata della vegetazione su aree private, senza un corretto stato di manutenzione, che rischia di provocare problemi alla sicurezza stradale soprattutto se piantumati al confine della proprietà privata. Si ricorda che, tra l’altro, la mancata esecuzione della messa in sicurezza, adeguamento e manutenzione dei fondi confinanti con strade pubbliche e/o di uso pubblico comporta responsabilità civili e penali per qualsiasi incidente o danno derivante dal mancato rispetto degli obblighi imposti ai proprietari dei fondi confinanti le pubbliche vie previsti dalle disposizioni normative e regolamentari vigenti in materia».
LEGGI ANCHE: Ordinanza taglio piante: a Valduggia partono i controlli

Accertamento delle violazioni

Le segnalazioni riguardanti l’inosservanza dell’ordinanza potranno essere trasmesse alla polizia municipale, che provvederà alla identificazione dei proprietari dei fondi interessati, per l’accertamento delle eventuali violazioni.

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *