Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Torna “Turno di notte”: la passeggiata notturna lungo i sentieri del lavoro
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Torna “Turno di notte”: la passeggiata notturna lungo i sentieri del lavoro

Giunto alla sesta edizione, l’evento ripercorre il sentiero percorso dagli operai di Soprana e Curino.

Torna “Turno di notte”: la passeggiata notturna per scendere agli opifici di Vallefredda lungo il torrente Ponzone.

Torna “Turno di notte”: sesta edizione per la passeggiata notturna

Sabato 5 e sabato 12 ottobre 2019 torna la sesta edizione di “Turno di notte”, la passeggiata notturna lungo i sentieri del lavoro. L’idea originaria della manifestazione, che tanto interesse ha suscitato nelle scorse edizioni, è di offrire ai partecipanti l’opportunità di percorrere nottetempo e in gruppo guidato un antico sentiero operaio, ossia uno di quei tragitti in mezzo ai boschi che collegavano le borgate collinari con i lanifici del fondovalle.
Scorri la galleria di foto.

Come prenotare

La camminata, che dura di norma circa 40 minuti, sarà in realtà un po’ più lenta, sia per tenere compatto il gruppo e non lasciare indietro nessuno, sia soprattutto perché impreziosita da alcune soste per assistere a quadri recitati dagli attori di ARS Teatrando in radure a lato del sentiero. I gruppi partiranno a 20 minuti l’uno dall’altro, il primo alle ore 19,30 e l’ultimo alle ore 21,30. Il costo del biglietto è di 10 Euro (prenotazione obbligatoria cell. 333 5283350)

Servizio navetta

Giunti a destinazione gli “operai” entreranno per il loro “turno di notte” nella “Fabbrica della ruota” dove potranno visitare la mostra “La luce del paesaggio”, dedicata al pittore e fotografo Romolo Ubertalli. All’uscita, volendo, gli “operai” potranno godersi un cartoccio di caldarroste e un bicchiere di vino di mele preparati dai volontari dell’AUSER Valsessera a sostegno delle proprie attività di solidarietà sociale. A partire dalle ore 21 sarà a disposizione, ma solo per gli autisti, un servizio di navetta per andare a riprendere le automobili lasciate al Rifugio Sella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *