Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Valduggia riapre la biblioteca. Libri costretti a fare la quarantena
Attualità Borgosesia e dintorni -

Valduggia riapre la biblioteca. Libri costretti a fare la quarantena

I volumi al rientro e in donazione non saranno in consegna per almeno due settimane.

Valduggia riapre la biblioteca, per il momento con una sola apertura settimanale.

Valduggia riapre la biblioteca

La biblioteca di Valduggia ha riaperto i battenti con i suoi undicimila libri. Da sabato è nuovamente possibile frequentare lo spazio di Casa Spagna dedicato alla lettura e al prestito. «Siamo felici di poter nuovamente offrire al paese un servizio così importante – spiega Michele Astori, volontario che coordina la biblioteca -, sia per i ragazzi che per gli adulti».

Tante novità

Coloro che erano soliti frequentare la biblioteca troveranno ovviamente alcune novità legate alle disposizioni sanitarie: «Adesso l’apertura è limitata unicamente al sabato pomeriggio – dice Astori -. L’accesso viene consentito a una sola persona per volta e che dovrà indossare mascherina e guanti».
LEGGI ANCHE: Sezione coronavirus nella biblioteca virtuale piemontese

Libri in quarantena

Anche i locali della biblioteca comunale sono stati oggetto di sanificazione lo scorso mese, operazione necessaria come ulteriore tutela da eventuali rischi di contagio: «Attenzione sarà riservata anche in caso di donazioni di libri: i volumi che riceveremo dovranno osservare una quarantena e non potranno essere consegnati per almeno due settimane. Lo stesso vale anche per i libri riportati dopo il prestito».

Orario ridotto

Finché non ci saranno nuove disposizioni, la biblioteca resterà aperta solamente il sabato dalle 15 alle 16; a gestirla e a seguire i lettori ci sarà solamente Astori: «Considerato il tempo ridotto di apertura sarebbe inutile far passare anche i volontari – conclude -; potranno tornare non appena si rientrerà nella normalità e si potrà osservare un orario completo».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente