Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Varallo e Alagna regalano la vacanza a 80 eroi anti-Covid
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Varallo e Alagna regalano la vacanza a 80 eroi anti-Covid

Anche la Valsesia aderisce all'iniziativa "#grazie" per tributare un riconoscimento concreto ai professionisti della salute impegnati nella lotta al Coronavirus.

varallo e alagna

Varallo e Alagna accolgono i sanitari impegnati nell’emergenza Coronavirus con una vacanza gratuita: arriva in Valsesia il progetto “#Grazie”.

Varallo e Alagna regalano una vacanza

Un ringraziamento concreto per i professionisti della sanità che in questi mesi hanno lottato contro il Coronavirus. Varallo ed Alagna ospiteranno gratuitamente per due giorni a scelta (tra il 20 e il 26 giugno) ottanta operatori sanitari impegnati nelle scorse settimane a gestire la pandemia. Tutto è partito da un progetto denominato “#Grazie”, nato dall’idea di Guido Novaria, presidente dell’associazione “Amici del Gran Paradiso di Ceresole Reale”.
A Varallo, su stimolo dell’assessorato alla cultura del Comune, gli albergatori non hanno esitato ad aprire le porte delle loro strutture come una grande famiglia. La staffetta di solidarietà, però, è arrivata anche ad alta quota, raggiungendo il Comune di Alagna dove, grazie alla collaborazione del Consorzio Operatori Turistici Monterosa Valsesia, si è creata una sinergia perfetta che ha favorito il dialogo con gli albergatori.

Come fare

I medici e gli infermieri che vogliono trascorrere due giorni di vacanza a Varallo ed Alagna dovranno prenotarsi telefonando al numero 0163.564404 oppure inviando una mail all’indirizzo infovarallo@atlvalsesiavercelli.it. Gli interessati dovranno indicare anche la tipologia del lavoro svolto, la struttura sanitaria e la preferenza del luogo di villeggiatura. Le opportunità per trascorrere due giorni indimenticabili ci sono tutte: dalle passeggiate tra gli ombreggiati sentieri del Sacro Monte, o nel centro storico varallese o alle sponde del torrente Mastallone, fino al Parco Naturale dell’Alta Valsesia che, con i 4.554 metri di Punta Gnifetti, si attesta come l’area protetta più alta d’Europa.

L’idea

Novaria spiega come ha avuto l’idea del progetto #Grazie: «Ho visto il dolore, lo sgomento e purtroppo la morte negli occhi di tanti amici che operano negli ambulatori e negli ospedali. Poi ho visto la semplicità, la calma e la bellezza della nostra montagna più bella e abbiamo deciso di mettere a disposizione di tutte le persone coinvolte un po’ di pace per quegli occhi stanchi». E così, oltre agli ottanta operatori sanitari che potranno fare due giorni di ferie gratis in Valsesia, da domani a lunedì Ceresole Reale ne accoglierà gratuitamente 150 e da venerdì 12 a domenica 14 altri 80 saranno ospitati in Val Ferret. Tre territori che stavolta hanno deciso di mettersi insieme per dire grazie in un momento tanto difficile e drammatico per tutti.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente