Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Bancomat gli “mangia” la card. E lui lo sfascia a pugni
Cronaca Fuori zona -

Bancomat gli “mangia” la card. E lui lo sfascia a pugni

Vercellese si fa prendere dalla rabbia. Ma finisce denunciato dai carabinieri per danneggiamento aggravato.

Bancomat gli “mangia” la card. E lui lo sfascia a pugni, lo sfascia e si ferisce pure. Ma finisce denunciato dai carabinieri per danneggiamento aggravato. E’ accaduto a Vercelli.

Bancomat gli “mangia” la card. E lui lo sfascia a pugni

Si fa prendere dall’ira perché lo sportello bancomat non gli ha erogato i soldi e gli ha pure trattenuto la card. E allora comincia a prenderlo a pugni, ferendosi pure. E’ accaduto qualche giorno fa a Vercelli. Un cittadino aveva segnalato al centralino della caserma che un uomo in preda alla rabbia, che stava imprecando e prendendo a pugni il vetro della porta che dà accesso all’apparecchio.

LEGGI ANCHE: Ponzone rubano bancomat e cercano di prelevare

Vetro rotto e tracce di sangue

Giunti sul posto, i militari hanno constatato che il vetro era stato rotto e vi erano anche evidenti tracce di sangue, verosimile conseguenza di un infortunio patito da chi aveva danneggiato il vetro.

L’uomo rintracciato e denunciato

In una decina di minuti i carabinieri hanno individuato l’uomo nei pressi della stazione, inequivocabilmente ferito e con gli abiti sporchi di sangue, il responsabile ha subito ammesso la responsabilità del gesto. Ai Carabinieri ha anche spiegato le ragioni di tanta rabbia, l’apparecchio aveva trattenuto la sua tessera bancomat, impedendogli di effettuare un prelievo e scatenando la sua irrefrenabile ira.

Leggi anche:  Ubriaco perso rompe a testate una vetrata e assale i poliziotti

Pertanto, i Carabinieri si sono attivati perché l’uomo ricevesse le cure necessarie, al termine delle quali hanno proceduto alla sua denuncia in stato di libertà per danneggiamento aggravato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente