Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Borgosesia ubriaco fa irruzione in un negozio e minaccia la titolare
Cronaca Borgosesia e dintorni -

Borgosesia ubriaco fa irruzione in un negozio e minaccia la titolare

Il sindaco Tiramani: «È lo stesso che mi ha minacciato di morte e creato molti altri disagi alla città. Aiutateci».

Borgosesia ubriaco fa irruzione in un negozio del centro e minaccia la titolare. La denuncia di Tiramani sui social.

Borgosesia ubriaco fa irruzione in un negozio e minaccia la titolare

Ieri sera, venerdì 27 febbraio, un ubriaco ha fatto irruzione in un negozio del centro e ha minacciato la titolare. Il sindaco Paolo Tiramani ha denunciato poco fa l’accaduto sulla sua pagina facebook, avanzando anche una richiesta d’aiuto.

Ieri sera l’ennesimo episodio della stessa persona che da anni imperversa a Borgosesia. Questa volta è entrato in un negozio del centro ubriaco, minacciando la titolare.

Più volte ha creato disagi alla città

Non si tratterebbe, infatti, di un uomo “sconosciuto”. Da molti anni vive in città e più volte ha creato allarmi o guai.

Lo stesso che mi voleva accoltellare due anni fa, lo stesso che girava nudo per strada, lo stesso che è riuscito a dare fuoco alla propria casa popolare, lo stesso che ha aggredito un vigile, lo stesso che ha aggredito un’assistente sociale rincorrendola dopo l’orario di lavoro, lo stesso che ha rovesciato sabato i vasi davanti al municipio… Lo stesso che da anni ha rotto cose, minacciato persone, spaventato anziani, mamme e bambine, rubato ogni cosa che si potesse rubare, dormendo qua e là.

Il sindaco chiede aiuto

Borgosesia è una città tranquilla, stiamo parlando di UNA persona. La mia domanda è molto semplice: deve scapparci il morto perché qualcuno competente prenda un provvedimento? Arrestato più volte, sempre e subito scarcerato.

Io ce l’ho messa tutta, anche ottenendo un decreto di espulsione poi revocato poter motivi religiosi!

A riguardo di questo ultimo punto, in un commento il sindaco precisa: «Che sarebbe stato perseguitato in Marocco perché non più islamico. Una balla che usano per opporsi ai decreti di espulsione. Ma l’origine della persona non c’entra nulla, fosse anche finlandese a queste condizioni sarebbe un problema per la comunità».

E infine conclude:

Vedete voi. Poi non diciamo «Lui lo aveva detto» perché non servirà più a nulla. Aiutateci.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

5 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *