Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Crevacuore altro cane ucciso col veleno per topi
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Crevacuore altro cane ucciso col veleno per topi

Rouse non ce l'ha fatta: la corsa dal veterinario, purtroppo, si è rivelata inutile.

crevacuore altro

Crevacuore altro crudele gesto nei confronti di un animale: un cane è stato ucciso con il veleno.

Crevacuore altro cane ucciso

Uccisa dal veleno per i topi: è la terribile sorte di un cane di un anno e mezzo. Per l’animale, purtroppo, non c’è stato nulla da fare. L’esame svolto ha confermato che il decesso è stato causato da avvelenamento, topicida in particolare. E’ successo a Crevacuore nei giorni scorsi e la famiglia non si dà pace. Un caso che segue solo di pochi giorni un episodio analogo avvenuto a Sostegno. Lara Magistro ha voluto raccontare quanto successo a Notizia Oggi: «Abitiamo a Crevacuore e davanti a casa abbiamo un prato, qui il nostro cane di un anno e mezzo si divertiva a correre. Ma non dava fastidio a nessuno».

Un gesto crudele e insensato

Qualcuno però nei giorni scorsi ha lasciato sull’erba un boccone avvelenato. Il cane, razza Staffordshir Bull Terrier, ovviamente l’ha mangiato senza sapere che all’interno c’era una sostanza letale. «Hanno voluto colpire la nostra piccola Rouse – accusa la donna -. Eravamo molto affezionati, adesso non c’è più e per la nostra famiglia è una perdita importante». Un gesto che ovviamente va condannato: «Ci sono persone ignobili che vanno in giro a fare del male agli animali senza alcuna ragione». E’ stata poi una morte terribile. L’animale è morto per una emorragia provocata proprio dal veleno che in poco tempo si è diffuso in tutto il corpo. «Purtroppo le cure non sono servite, il veleno si era già diffuso in tutto il corpo. Il veterinario ha effettuato gli esami del caso – riprende la donna -. E proprio nei giorni scorsi abbiamo avuto la conferma dei nostri primi sospetti: è morto per un topicida».

I precedenti

Forse appunto ingerendo il boccone avvelenato, una pratica assurda e crudele. Adesso la famiglia ha intenzione di andare fino in fondo. «Ovviamente faremo la segnalazione all’Asl per quanto successo – spiega -. Speriamo che si vada a fondo di questa storia».  Sospetti ce ne sono, ma ovviamente senza telecamere o testimonianze dirette è difficile risalire a chi ha compiuto questo terribile gesto. La famiglia comunque spera che si faccia luce su quanto successo. Come accennato, quello di Crevacuore non è purtroppo un caso isolato. Già la scorsa settimana, ma nell’abitato di Sostegno, era morto un cane di grossa taglia avvelenato anche in questo caso da un boccone contenente topicida. La vicenda era stata raccontata dai padroni sui social. Ma anche a Valdilana un gatto è stato avvelenato, per fortuna il padrone se ne è accorto per tempo ed è riuscito a salvarlo portandolo dal veterinario. Insomma di casi purtroppo ce ne sono sempre di più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente