Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Maleducazione all’ecocentro di Pray. Il sindaco: «Servono le telecamere»
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Maleducazione all’ecocentro di Pray. Il sindaco: «Servono le telecamere»

Eppure conferire correttamente gli ingombranti è semplice e gratuito. E contattando la Seab al numero verde il ritiro avviene direttamente a casa.

Maleducazione a Pray: lasciano la lavatrice fuori dall’ecocentro e il sindaco si arrabbia.

Maleducazione all’ecocentro di Pray

Ancora rifiuti abbandonati fuori dall’ecocentro di Pray. Questa volta tocca a una vecchia lavatrice, lasciata davanti ai cancelli nell’orario di chiusura.

Ormai sistematicamente nei pressi dell’ecocentro si trovano rifiuti di qualsiasi tipo. Qualche tempo fa, in una piazzola vicina, addirittura divani da ufficio, oltre a varie scartoffie.

La rabbia del sindaco

Il sindaco Gian Matteo Passuello non ha digerito l’ennesimo abbandono di rifiuti; e ora è pronto a prendere provvedimenti. «È ora di finirla. Anche presso l’ecocentro si installeranno delle telecamere. Questi gesti di inciviltà devono essere sanzionati. Basta rimediare ai danni di questi idioti con i soldi della collettività».

Non va dimenticato che le spese di recupero di tutti questi rifiuti abbandonati sono a carico del Comune, e quindi della collettività.

Un servizio comodo e gratuito

Eppure conferire correttamente gli ingombranti è davvero semplice. Basta presentarsi negli orari di apertura e consegnare il materiale senza dover pagare nulla. Il servizio è infatti gratuito, anche se non tutti lo sanno. Inoltre contattando la Seab al numero verde 800.399760 gli ingombranti vengono ritirati direttamente a casa.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *