Notizia Oggi Borgosesia > Cronaca > Pensionato sparito da Pray era a visitare un amico nell’Ossola
Cronaca Sessera, Trivero, Mosso -

Pensionato sparito da Pray era a visitare un amico nell’Ossola

L'uomo era in buone condizioni ed è stato riaccompagnato a casa.

rubano vestiti

Pensionato sparito senza lasciare notizie: rintracciato in buona salute ospite di un amico.

Pensionato sparito da casa

E’ una disavventura a lieto fine, per fortuna, quella che ha visto protagonista un anziano che si era allontanato dall’abitazione di Pray. Fortunatamente lo spavento è durato poco: verso sera l’uomo è stato rintracciato nel Verbano, grazie ai carabinieri e ai volontari. Enrico Poroli, questo il nome dell’81enne, era a casa di un conoscente, presso il quale aveva trascorso la domenica serenamente. A dare l’allarme è stata la moglie, intorno a mezzogiorno. Quando ieri mattina si è svegliata, il marito era sparito. Era uscito di casa con l’auto, una Wolkswagen Lupo, senza lasciare alcuno tipo di messaggio. Un fatto doppiamente strano, sia perché la coppia era sempre insieme, sia per il fatto di non comunicare la destinazione alla moglie.

Le ricerche

Così dopo aver telefonato a famigliari ed amici per sincerarsi che il marito non fosse lì, la donna si è risolta a chiamare i carabinieri. Era molto preoccupata per le condizioni di salute del coniuge, per questo la macchina delle ricerche si è messa subito in moto. Grazie alle telecamere posate sui territori di Borgosesia e Valduggia, è stato possibile intercettare l’auto. In pratica Poroli ha percorso la strada della Cremosina e, una volta arrivato ad Omegna, si è inoltrato per la Val Strona, dove appunto abita l’amico. Nei giorni precedenti l’uomo non aveva parlato con alcuno dell’intenzione di recarsi a trovare il conoscente ossolano; solo andando per tentativi, alla fine i soccorsi sono stati indirizzati verso la casa in Val Strona. Il pensionato stava tutto sommato bene, tanto che il conoscente non aveva avuto alcun sospetto; è stato quindi riaccompagnato a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente