Seguici su

Cronaca

Truffa auto fantasma: una delle basi era a Gattinara

Pubblicato

il

senza patente

Truffa auto fantasma: dodici gli arresti. Una delle basi era a Gattinara.

Truffa auto fantasma: una delle basi era a Gattinara

Vendevano le auto, incassavano ma non le consegnavano. Oppure alteravano i chilometraggi e nascondevano i difetti. Tutto era reso possibile da una rete prestanome, così da non mostrare i profitti che arrivavano dalle auto e soprattutto la loro provenienza.

L’inchiesta di Guardia di finanza e carabinieri del comando di Torino ha portato a 12 arresti in tutto il Piemonte e sequestri di beni per oltre un milione di euro. È stato così possibile smantellare un giro di truffe legate ad auto di grossa cilindrata. L’indagine ha toccato anche la città di Gattinara. I reati contestati sono associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio.

Dodici arresti

A Gattinara tra le persone arrestate ci sono Denis Arnesto, 42 anni, socio e amministratore in una delle società coinvolte; Sciaron Breshak, 30 anni (indicato come il “boss”) e sua moglie Sara Nicolini, 27 anni. Arrestati anche Renata Antoniazzi, 62 anni, residente a Borgomanero e Piergiuseppe Peraldo, 57 anni, del Cossatese.

A loro si aggiungono Antonio Balsano di Pinerolo (indicato come l’organizzatore); Renzo Anghelo Burgos Abanto, 28 anni, di Torino; Andrea Ferrario, 44 anni, di Ternate (Varese); Alex Paolella, 29 anni, di San Secondo di Pinerolo (Torino); Gabriele Scorrano, 35 anni, di Torino; Vincenzo Miani, 30 anni, di Torino; e Igor Halilovic, 29 anni, di Torino.

Associazione a delinquere

La banda operava in due modi differenti. In alcuni casi, si avvaleva di imprese operanti nel commercio di autovetture e pubblicava su internet avvisi di vendita di automobili di grossa cilindrata. A trattativa conclusa, però, gli uomini incassavano il denaro, ma non consegnavano la vettura. In altri casi invece modificavano la vettura riducendo il chilometraggio e coprendo i difetti del mezzo. Così facendo potevano richiedere una cifra maggiore al compratore rispetto al valore reale dell’automobile venduta.

I militari avrebbero inoltre accertato che la banda si avvaleva di una rete di prestanome. Il loro obiettivo in questo caso era quello di nascondere il denaro guadagnato in modo illeciti.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *