Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Ex notaio vince concorso “La nosta gent” a Romagnano
Cultura e turismo Novarese -

Ex notaio vince concorso “La nosta gent” a Romagnano

Rossana Lenzi ha ottenuto un premio di mille euro.

Ex notaio vince concorso “La nosta gent” a Romagnano.  Rossana Lenzi ha ottenuto un premio di mille euro.

Ex notaio vince concorso

Il concorso è annuale, secondo quanto richiesto dalle volontà testamentarie di Fernanda Renolfi, benefattrice della Fondazione. L’edizione 2020 del concorso richiedeva un elaborato originale sul tema “Le note che raccontano la Valsesia e il Novarese: passato, presente e futuro”. I cinque lavori pervenuti sono stati letti ed esaminati da una commissione giudicatrice composta da Albero Lovatto, Giada Pizzino e Piera Mazzone, che si sono ritrovati venerdì 19 febbraio al Museo storico etnografico di Romagnano per confrontare e discutere i giudizi individuali, che non si discostavano molto tra di loro, perché il livello dei partecipanti era buono.

Partecipanti

Hanno partecipato al concorso Nicola ed Edoardo Brugo, figli del compianto Carlo Brugo, già presidente del Museo e dell’architetto Magda Omodei Zorini, con “Gente e suoni nel giorno del Venerdì Santo a Romagnano e La banda suona”; Rossana Lenzi con “Musica in Valsesia: racconto in capitoli”; Monica Rosolen, che non ha dato un titolo specifico al suo lavoro, adottando quello proposto come argomento del concorso e Luciano De Carlis, classe 1940, romagnanese, ma residente a Novara con “Valsesia e novarese “lirici”.

Edizione 2020

L’argomento proposto era molto ampio e si prestava ad analisi differenziate: tutti i partecipanti hanno colto l’importanza della musica come elemento che unisce la comunità e qualifica l’appartenenza ad un territorio, evidenziando anche la dimensione diacronica. Del presente è stata offerta una lettura propositiva e già rivolta al “dopo Covid”. In ogni lavoro è emersa l’originalità di impostazione, con molti riferimenti inediti, come la panoramica sui cantanti lirici valsesiani e novaresi, tra i quali Guido Crevola, scomparso da poco. Il lavoro premiato è completo, raccoglie in una storia di comunità i molteplici elementi che stanno dentro la parola musica, scandendoli in modo “armonioso”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *