Notizia Oggi Borgosesia > Cultura e turismo > Ghemme si prepara ad accogliere le sue maschere
Cultura e turismo Novarese -

Ghemme si prepara ad accogliere le sue maschere

Il Re Barlan aspetta le chiavi del paese e intanto prepara il suo discorso.

Ghemme si prepara ad accogliere le sue maschere. Il Re Barlan aspetta le chiavi del paese e intanto prepara il suo discorso.

Ghemme si prepara ad accogliere le sue maschere

Con i ringraziamenti a:

Ristorante Al Gufo Nero

Photottica Andorno

fc coperture

studio dentistico Santa Barbara

Wine Bistrot

 

La gente di Ghemme si sta preparando: domenica 23 febbraio il paese sarà governato dal Re Barlan. I sovrani del Carnevale hanno già affrontato i loro primi impegni: quest’anno i volti principali del Carnevale ghemmese sono Massimo Quercioli, ormai al suo sesto anno nei panni del Barlan, e la Madama Pangin, Lara Federici. Per lei si tratta invece dell’esordio come maschera femminile: subentra alla giovane Grazia Russo, eletta nel 2016.

L’arrivo dei regnanti dopo la visita alle scuole

L’arrivo del re e della sua consorte dalla lontana Patagonia è fissato per domenica 23 febbraio. Giovedì 20, per la prima volta, il monarca si presenterà nelle scuole, portando un omaggio ai bambini e invitandoli ad assistere all’arrivo ufficiale della maschera. Domenica 23, alle 9,45 ci sarà il ritrovo in piazza Antonelli, di fronte alla chiesa parrocchiale, per poi sfilare fino al municipio. Qui, il sindaco Davide Temporelli dovrà cedere la guida del paese alla maschera, consegnando nelle sue mani le chiavi di Ghemme. In seguito, il Barlan, la Madama e il loro seguito presenzieranno alla messa delle 10,30, per poi spostarsi al Primavera Cafè per un aperitivo. Il corteo sfilerà quindi nuovamente lungo le vie del paese, per poi andare a rifocillarsi al ristorante “Gufo nero”. Per partecipare al pranzo occorre prenotare al numero 348 8557082. Il costo è di 15 euro.

Il discorso e la storica fagiolata

Alle 15, appuntamento in piazza Castello per il tradizionale discorso del re Barlan. Si tratta di uno dei momenti salienti del Carnevale: il testo, rigorosamente in dialetto, è preparato da Mauro Imazio Agabio, esperto conoscitore della lingua ghemmese. Nel discorso, con la consueta ironia del Barlan, si ripercorrono gli eventi avvenuti nell’anno trascorso. Alle 15,30 si potrà poi gustare uno dei piatti tipici del periodo carnevalesco: grazie ai Rancieri, ci sarà infatti la distribuzione della “fesulaa”, la fagiolata.

La festa dei bambini

Martedì 25 febbraio saranno i bambini i protagonisti: a loro sarà dedicato il ballo all’oratorio, in programma alle 15. Il re e la Madama non dimenticano poi sicuramente i loro concittadini più anziani: fra i loro impegni c’è infatti anche la visita alla casa di riposo del paese. Alla sera, invece, appuntamento alle 20,45 in piazza Castello: con il tradizionale falò si chiuderà il governo del Barlan. I Rancieri saranno presenti per distribuire gratuitamente cioccolata calda e vin brulé.

A fine marzo il secondo tour delle cantine

Il successivo appuntamento con il Comitato Carnevale di Ghemme è poi per domenica 22 marzo: si terrà infatti il secondo “Tour delle cantine” del paese, con degustazioni di vini e prodotti tipici del territorio. Già sabato 15 febbraio sarà possibile iscriversi con il primo giorno di prevendita, dalle 10 alle 12 nella sede di via Monte Rosa 19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente