Seguici su

Cronaca

Auto tampona carrozza turistica: il cavallo ferito è stato abbattuto

Animalisti all’attacco: vietare questi mezzi in tutta Italia.

Pubblicato

il

Auto tampona carrozza turistica: il cavallo ferito è stato abbattuto. Animalisti all’attacco: vietare questi mezzi in tutta Italia.

Auto tampona carrozza turistica: il cavallo ferito è stato abbattuto

Un’auto tampona una carrozza turistica e il cavallo rimane gravemente ferito, tanto da dover essere abbattuto poco dopo. È accaduto nella giormnata di ieri, domenoica 3 dicembre, a Piverone, località tra Biellese e Canavese. Purtroppo nell’incidente l’animale ha riportato ferite molto gravi, e il veterinario dell’Asl To4 ha deciso la soppressione.
LEGGI ANCHE: Cavallo in un dirupo a Valdilana: intervengono i vigili del fuoco

La denuncia della Protezione animali

L’episodio è stato denunciato dall’Oipa (Organizzazione internazionale protezione animali) che ora chiede di vietare l’uso di animali per questo tipo di attività.

L’associazione annuncia che «chiederà formalmente al Comune e alla Città metropolitana di Torino se il cocchiere sia in possesso di una regolare licenza». E rilancia la sua battaglia per «l’abolizione delle botticelle e di tutti i veicoli a trazione animale», e chiede a Governo e Parlamento una legge «che vieti l’uso di poveri animali costretti a trainare carrozze in strada».

«La riconversione di tali licenze sarebbe opportuna dal punto di vista etico, e rappresenterebbe anche un segnale di sensibilità ecologica laddove si passasse alla trazione elettrica, così come è stato fatto nella Reggia di Caserta dove, dopo la morte tragica di un cavallo nell’agosto del 2020 per fatica e caldo, si è deciso di adottare per il trasporto dei turisti una flottiglia di golfcar».

Su Prima Torino leggi “Abbattuto il cavallo che trainava una carrozza turistica coinvolta in un incidente”

3 Commenti

3 Comments

  1. Ardmando

    4 Dicembre 2023 at 16:34

    La cosa più ridicola è l’intervento a sproposito dei soliti animalari, anzi nazianimalari, che invece di avere rispetto per un povero disgraziato che ha perso il cavalo con in quale lavorava, preferisce fare la solita penosa sceneggiata con le richieste di abolizione di questo e quello, pretese di divieto e altre ca**ate del genere. Guardate che il cocchiere si stava guadagnando da vivere e che il cavallo è un animale che è perfettamente abituato a svolgere questi lavori e che non soffra affatto. C’è più umanità e rispetto in un cocchiere che ha cura del suo cavallo che in 100 animalari buoni solo a dare aria ai denti.

  2. Simonetta

    4 Dicembre 2023 at 19:46

    Vergogna povero cavallo

    • Ardmando

      5 Dicembre 2023 at 8:13

      Quando vengono feriti alle zampe per i cavalli non c’è salvezza. Qui il “povero” è il cocchiere che ha perso il suo cavallo: non solo un compagno di lavoro ma un amico, perchè con i cavalli si crea sempre un legame speciale. Solo i miopi, gli ignoranti e gli animalari vedono il male e lo sfruttamento. Chi scrive “vergogna” dimostra solo la propria profondissima ignoranza.

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *