Seguici su

Cronaca

Il nipote di Vincenzo Lancia mette in fuga banda i ladri sparando in aria

Marco Gatta aveva già dovuto affrontare la criminalità a 22 anni: nel 1979 fu rapito per 88 giorni.

Pubblicato

il

Il nipote di Vincenzo Lancia mette in fuga banda i ladri sparando in aria. Marco Gatta aveva già dovuto affrontare la criminalità a 22 anni: nel 1979 fu rapito per 88 giorni.

Il nipote di Vincenzo Lancia mette in fuga banda i ladri sparando in aria

Ha messo in fuga i ladri sparando tre colpi in aria con la pistola dal balcone della sua villa. L’obiettivo dei ladri era la casa dell’imprenditore 66enne Marco Gatta, nipote del valsesiano Vincenzo Lancia, fondatore dell’omonimo marchio auto.

Marco Gatta ha purtroppo ancora vivo il ricordo di un atto criminale messo a segno contro di lui: nel gennaio del 1979, ad appena 22 anni, fu rapito da un gruppo di banditi che avevano simulato un incidente stradale. Fu tenuto in ostaggio ben 88 giorni, prima di essere rilansciato a fronte del opagamento di un riscatto.

Gli spari per mettere in fuga i ladri

I fatti recenti sono avvenuti la scorsa domenica sera, nella zona tra Revigliasco e Santa Brigida sulle colline di Moncalieri. L’uomo, oggi 66ene, si è accorto che qualcuno stava cercando di entrare in casa passando dal giardino. Memore anche dell’episodio del 1979, ha preso una pistola e ha esploso tre colpi in aria dal balcone. Mettendo così in fuga i malintenzionati.

Dopo di che ha chiamato subito il 112. Ma quando i carabinieri sono arrivati, dei ladri non c’era più traccia. In casa Gatta sono stati trovati due carabinem, tre pistole e 160 proiettili, tutti regolarmente denunciati.

Su Prima Torino leggi “Il nipote di Lancia spara tre colpi in aria per far fuggire i ladri da casa sua, nel 1979 fu rapito per 88 giorni”

 

1 Commento

1 Commento

  1. Angelo

    30 Novembre 2023 at 7:57

    ha fatto bene,

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *