Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Minoranza Valdilana rinuncia all’indennità e attacca sul presidente
Politica Sessera, Trivero, Mosso -

Minoranza Valdilana rinuncia all’indennità e attacca sul presidente

«Assurdo creare una figura e un costo in più». La replica del sindaco: «Utile per portare avanti con maggiore efficacia l’attività amministrativa».

minoranza valdilana

Minoranza Valdilana all’attacco sul tema dei compensi.

Minoranza Valdilana, il gettone

Rinuncia al gettone di presenza e la figura del presidente del consiglio: questi alcuni dei temi caldi dell’ultimo consiglio comunale a Valdilana. L’opposizione “Cambiamento per Valdilana” prima ha annunciato la rinuncia al gettone di presenza, poi ha criticato il costo per il presidente del consiglio, ma ne ha avute anche per i neo- amministratori. Il gruppo di opposizione ha deciso di lasciare nelle casse comunali il gettone di presenza. «Una cifra irrisoria – ha subito chiarito Alessio Maggia -. Va visto che all’appello manca un milione di euro rispetto alle entrate preventivate per la fusione, vogliamo almeno dare un segnale. Noi siamo seduti qui per il nostro territorio». Discorso non condiviso dall’assessore Carlo Grosso: «E’ una affermazione pretestuosa e demagogica. Arrivano soldi in meno rispetto a quelli preventivati, ma rispetto al passato incassiamo in più 752mila euro».

Il presidente del consiglio

Ma l’opposizione ha votato contro anche i 251 euro al mese previsti per il presidente del consiglio Lorenzo Mirabile. «Creare una figura e un costo in più sembra assurdo – ha aggiunto Maggia -. Sembra che gli unici che hanno guadagnato da questa fusione sono gli amministratori che hanno raddoppiato, o quasi, i propri emolumenti».
Secca la replica del sindaco Mario Carli: «Per prima cosa, il gettone di presenza e il compenso per il presidente del consiglio sono previsti dalla legge. Inoltre è un contributo che vuole essere un aiuto a tutti per portare avanti la propria attività amministrativa e permettere a tutti di fare politica. Inoltre va specificato che le cifre per gli amministratori non sono raddoppiate, ma sono quelle previste dalla normativa».
E sul presidente del consiglio ha spiegato: «E’ una figura che abbiamo voluto inserire e utile per portare avanti con maggiore efficacia l’attività amministrativa a livello comunale».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente