Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Omosessuali e pedofili, ammazzateli tutti. Poi le scuse: Non volevo offendere
Politica Fuori zona -

Omosessuali e pedofili, ammazzateli tutti. Poi le scuse: Non volevo offendere

Il post del vice presidente del consiglio di Vercelli diventa un caso nazionale: «Frasi di una gravità inaudita».

Omosessuali e pedofili, ammazzateli tutti. Poi le scuse: Non volevo offendere

Omosessuali e pedofili, ammazzateli tutti. Poi le scuse: Non volevo offendere

E’ bufera a Vercelli sull’ormai ex vice presidente del consiglio comunale Giuseppe Cannata, medico ed esponente di Fratelli d’Italia. Ieri mattina è apparso su Facebook un suo post in cui auspicava un “ammazzateli tutti”  nei confronti di “lesbiche, gay e pedofili”. I primi a prendere posizioni sono stati i portavoce di Arcigay Rainbow Vercelli Valsesia: «Il contenuto della frase, che è stato cancellato dal suo profilo Facebook, risulta di un’inaudita violenza sia per la minaccia di morte (“ammazzateli tutti”) sia per l’accostamento fra l’omosessualità e la pedofilia. Mai, prima d’ora, siamo stati insultati e aggrediti in maniera così violenta da parte di un rappresentante delle Istituzioni della nostra città».

Le prese di distanze da medici e politici

Contro l’uscita di Cannata ha preso posizione anche l’ordine dei medici e praticamente tutto il mondo politico. Anche lo stesso sindaco Andrea Corsaro ha parlato di “affermazioni gravi”.

Le scuse: non volevo offendere nessuno

«Non sono omofobo e non intendevo assolutamente offendere nessuno. Se l’ho fatto, chiedo scusa. Sono un medico, ho sempre aiutato tutti e ho tanti amici omosessuali che stimo e a cui voglio bene». Sono le parole di Giuseppe Cannata riportate da Ansa dopo che il post su Facebook è stato rimosso. Il consigliere ha fatto sapere inoltre che si autosospenderà dal gruppo di Fratelli d’Italia in consiglio comunale.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente