Notizia Oggi Borgosesia > Politica > Perché ci candidiamo a Valduggia: gli obiettivi di Luca Chiara
Politica Borgosesia e dintorni -

Perché ci candidiamo a Valduggia: gli obiettivi di Luca Chiara

Il candidato sindaco presenta i suoi progetti per il paese.

Perché ci candidiamo

Perché ci candidiamo: il candidato sindaco Luca Chiara presenta il suo programma.

Perché ci candidiamo a Valduggia

Luca Chiara, candidato sindaco per Valduggia, presenta i suoi progetti. Riceviamo e pubblichiamo una presentazione generale del programma di lista.
«Abbiamo deciso di creare il gruppo “Noi per Valduggia” per rilanciare il nostro paese a 360 gradi, ma siamo convinti che la sfida principale che ci attende, qualora avessimo la meglio, sia quella di rendere vivo e vivibile il nostro paese e le nostre frazioni, impiegando tutte le energie per frenare l’attuale fenomeno dello spopolamento: fare in modo, cioè, che in particolare i giovani decidano di rimanere a vivere e “fare famiglia” qui in paese».

Effetto pandemia

«Inoltre, in questo periodo di pandemia, le persone che in passato avevano scelto di andare a vivere in città si sono accorte dei limiti che vi sono nel trovarsi in quel contesto in circostanze come queste e, di conseguenza, siamo fiduciosi sul fatto che, nei prossimi anni, ci sarà un processo inverso di trasferimenti da contesti urbani a rurali come il nostro, alla ricerca di paesaggi montani, della cosiddetta “aria buona” e della possibilità di fare lunghe passeggiate nel verde».

I servizi

«Per accogliere però coloro che cercheranno mete come Valduggia e per fare in modo che i giovani valduggesi rimangano, dobbiamo creare un paese accogliente e dotato di tutti i servizi essenziali. Rendere vivibile il nostro paese significa: fare in modo che le attività e i negozi che ci sono non chiudano e che, anzi, si creino le condizioni per aprirne di nuovi, recuperare gli edifici abbandonati e prestare attenzione al decoro del centro storico».

Le frazioni

«Rendere vivibili le nostre frazioni significa: mantenere le strade in buone condizioni (senza “crateri”) e pulite, cunette sgombre dal fogliame, messa in sesto di guardrail e pali della luce o aggiunta laddove mancano, connessione ad internet stabile e veloce e il telefono cellulare deve prendere dappertutto e non solo in alcuni punti dell’abitazione o addirittura della località. Solo con l’attenzione alla cura delle “piccole cose”, la garanzia dei servizi e gli incentivi per chi apre un’attività o acquista un’abitazione un paese può essere reso vivo e vivibile, con vetrine e appartamenti “pieni”».

 

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *