Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > Gattinara, un esercito di volontari per ripulire i rifiuti lanciati dalle auto
Senza categoria Gattinara e Vercellese -

Gattinara, un esercito di volontari per ripulire i rifiuti lanciati dalle auto

Sono stati trovati rifiuti di ogni tipo

Una cinquantina di persone sono scese in campo per pulire i boschi di Gattinara. La giornata econologica è stata organizzata nei giorni scorsi. «Il bilancio è stato molto positivo – spiega il sindaco di Gattinara, Daniele Baglione – anche se alla giornata ecologica non hanno partecipato molti cittadini, ma soprattutto volontari delle associazioni, molte persone che già da tempo sono impegnate nella tutela dell’ambiente e del territorio. Infatti c’erano i volontari dell’Aib, del Nucleo soccorso Bassa Valsesia, degli scout e alcuni bambini».

Il territorio è stato suddiviso in zone. I volontari del gruppo Antincendi boschivi si sono occupati anche della parte collinare, nei pressi della Torre delle Castelle e del castello di San Lorenzo, ma si è operato soprattutto nei boschi lungo il Sesia. Il gruppo scout Gattinara 1 e i bambini hanno lavorato lungo il sentiero che va dall’ex colonia alla Ca d’Assi, mentre altri volontari Aib e il Nucleo soccorso Bassa Valsesia hanno ripulito il tratto lungo la strada provinciale 594, sia nei boschi, sia lungo la banchina stradale nel tratto che va verso Lenta e la zona del lago Mallone. Sono stati trovati rifiuti di ogni tipo. Soprattutto molte macerie e inerti, scarti di ristrutturazioni edili e molte bottiglie di vetro, soprattutto nei pressi del lago Mallone.

A ridosso della provinciale c’erano anche molti rifiuti di plastica, carta e scarti di vario tipo, lanciati dalle auto in corsa. «Non tutto è stato raccolto – spiega il sindaco Daniele Baglione – anche perché sarebbe impossibile raccogliere tutto in una giornata. Ma l’idea è proprio quella di organizzare una giornata per sensibilizzare al rispetto dell’ambiente, non solo chi vi partecipa, che ovviamente ha già una sua sensibilità, ma soprattutto chi vede i volontari all’opera». 

 

Articolo precedente
Articolo precedente