Notizia Oggi Borgosesia > Senza categoria > Nuovo picco di gatti randagi a Serravalle: partita la sterilizzazione
Senza categoria Serravalle e Grignasco -

Nuovo picco di gatti randagi a Serravalle: partita la sterilizzazione

I felini dimoravano in via Sant’Antonio

 Enpa di Borgosesia si è preso cura di una colonia di una cinquantina di gatti selvatici di Serravalle. La colonia felina si era formata nei pressi della casa di riposo “Don Florindo Piolo” diSerravalle. Da mesi i volontari del sodalizio stanno intervenendo per soccorrere e sterilizzare gli animali senza padrone. «Abbiamo iniziato da maggio – spiega Alessandra Boccalatte, referente del sodalizio -. Sono stati catturati 26 gatti adulti che sono stati sterilizzati in un ambulatorio convenzionato con il Comune di Serravalle e rilasciati sul territorio. Inoltre abbiamo raccolto anche 19 cuccioli che dopo le cure e lo svezzamento sono stati dati in adozione. Tutti sono stati sottoposti anche a trattamento antiparassitario». I felini dimoravano in via Sant’Antonio. «Il “ritrovo” dei mici era un’edificio disabitato – evidenzia la referente di Enpa – la cui proprietaria alcune volte viene a Serravalle e cerca per quanto è possibile di prendersene cura».

I volontari hanno lavorato molto per riuscire a catturare i felini. «Dico solo che nel primo mese 3-4 volontari sono stati impegnati 200 ore per riuscire ad avvicinarsi ad alcunigatti, prenderli e portarli a sterilizzare – evidenzia Boccalatte -. Dopo le operazioni gli animali sono stati portati al rifugio “Il Giardino di Quark” a Gattinara per la degenza e solo in un secondo momento riportati sul territorio».

Le operazioni non sono del tutto concluse. «Ci stiamo occupando degli ultimi mici che sono ancora nella zona e hanno bisogno di aiuto – mette in luce la portavoce del gruppo –. Inoltre stiamo seguendo la colonia felina di Gattera».Nella frazione serravallese ci sono mici senza dimora che vagano lungo le vie. «Sono in numero nettamente inferiore rispetto alla situazione che si era verificata vicino alla casa di riposo – conclude Boccalatte – ma comunque da tenere sotto controllo. Ringraziamo anche i residenti che comunque danno una forma di aiuto».

Articolo precedente
Articolo precedente