Seguici su

Sport

Ivan Camurri pedala in casa: dopo la leucemia vuole ripartire

Pubblicato

il

Ivan Camurri

Ivan Camurri si allena per tornare alla normalità e alle pedalate all’aperto: lo scorso anno l’atleta di Alagna ha combattuto la leucemia.

Ivan Camurri si allena in casa

Ivan Camurri è pronto a ripartire. In piena emergenza Coronavirus, l’atleta di Alagna che un anno fa combatteva contro la leucemia sta cercando di tenersi in forma allenandosi in casa nel pieno rispetto dei dispositivi per contrastare la diffusione del Covid-19. «Dopo 15 mesi di stop forzato si ricomincia da zero a fare sport – racconta -. Una fatica terribile ma quanto mi mancava l’acido lattico». Per ora si deve accontentare di fare i “rulli” sulla bicicletta installata nella sala da pranzo in casa: «Aspettando di poter tornare a correre si fa quel che si può».

Un messaggio di speranza

Le cure stanno dando ottimi risultati e così Camurri, che ha alle spalle tante vittorie nei trail, ha deciso di rimettersi in forma. Sarà un percorso lungo, ma che dà grande speranza. Con una foto pubblicata sul proprio profilo Facebook, Camurri ha voluto dare, in questo momento di emergenza sanitaria, anche un messaggio di speranza, ricevendo tanti incoraggiamenti. L’atleta valsesiano sta dimostrando di avere una grande tenacia. E dire che ha passato il 2019 per lo più in ospedale, il ritorno alla vita a casa è avvenuta soltanto verso la fine dello scorso anno. Dopo le prime timide uscite all’aria aperta, ora sta cercando di riprendersi in mano la sua vita.

La famiglia

Nelle scorse settimane ha festeggiato anche la sua prima festa del papà da padre del piccolo Francesco: «Un sogno che è diventato realtà grazie al mio amore Agnese. Mi hanno dato la forza nei momenti più difficili e la voglia di lottare. Sono stati la mia luce nel buio».
Intanto la moglie Agnese Valz Gen è tornata alle gare dopo la maternità andando a vincere la Fortegno Trail, una grande soddisfazione per la giovane mamma.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *