Notizia Oggi Borgosesia > Sport > Tennis tavolo Romagnano alle Paralimpiadi di Tokyo con Amine Kalem
Sport Novarese -

Tennis tavolo Romagnano alle Paralimpiadi di Tokyo con Amine Kalem

Ai Giochi è iscritto al torneo riservato agli atleti di classe 9 e cercherà di ripetere o addirittura migliorare lo straordinario risultato di Rio 2016, quando conquistò una medaglia di bronzo.

Il Tennis tavolo Romagnano al ritorno in campo riavrà Amine Kalem. L’atleta neroverde si prepara a partecipare alle Paralimpiadi di Tokyo.

Tennis tavolo Romagnano riporta a casa Amine Kalem

Colpaccio di mercato del Tennis Tavolo Romagnano, che si prepara a tornare in campo dopo l’anno di stop per il Covid. La società di Maurizio Rondi e Gianmario Paracchini riporta a casa Amine Kalem, che torna in Valsesia dopo la positiva esperienza della scorsa stagione in serie A1 col Tennis tavolo Vigevano.

Kalem disputerà il campionato di serie B2 nazionale 2021-2022 al fianco di Elia Bonetti, Andrea Guidi e Giacomo Rondi. La loro speranza è piazzare subito un grande ripartenza del sodalizio neroverde, dopo la stasi agonistica dovuta alla pandemia che ha costretto a rinunciare al campionato nazionale di serie A2.

Kalem alle Paralimpiadi di Tokyo

Ma prima di riscrivere di nuovo la sua storia romagnanese, Kalem è atteso da un’altra grande impresa. Kalem parteciperà infatti alle Paralimpiadi, che si svolgeranno a Tokyo dal 24 agosto al 5 settembre.

Ai Giochi è iscritto al torneo riservato agli atleti di classe 9 e cercherà di ripetere o addirittura migliorare lo straordinario risultato di Rio 2016, quando conquistò una medaglia di bronzo. Attualmente è numero 5 nella classifica mondiale della sua categoria.

Già tesserato con il Romagnano

«Disputerà le Paralimpiadi già tesserato per la nostra società – spiega il direttore sportivo Rondi -. Questo sarà sicuramente uno stimolo in più per lui, visto l’attaccamento alla società. Dal canto nostro, noi abbiamo sempre riposto grande fiducia in lui, che ha conseguito tanti prestigiosi risultati sportivi, oltre che la medaglia olimpica»

A Romagnano, in effetti, il giocatore si occuperà anche del settore giovanile forte della sua esperienza tecnica maturata negli anni.  Il suo compito sarà creare un serbatoio di atleti nostrani per il prosieguo dell’attività agonistica della società neroverde anche negli anni a venire.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *