Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Acque cristalline a Riva Valdobbia col nuovo maxi-depuratore
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Acque cristalline a Riva Valdobbia col nuovo maxi-depuratore

In programma anche un collegamento con l'abitato di Alagna.

acque cristalline

Acque cristalline in alta valle: a Riva Valdobbia si avvicinano alla fine i lavori per il nuovo depuratore.

Acque cristalline

Si avvicinano al termine i lavori al nuovo depuratore per il centro di Riva Valdobbia: un’operazione da 1,4 milioni di euro. Si prepara inoltre un cantiere da 715mila euro per coprire anche il territorio di Alagna. Con l’espansione turistica dei centri ai piedi del Monte Rosa occorre anche investire. E così il programma regionale per tutelare le acque del Piemonte tocca anche la Valsesia. Cordar Valsesia era da un po’ di tempo che aveva nel cassetto l’intervento.

Interrato

«A Riva Valdobbia è ormai stato realizzato un impianto di depurazione completamente interrato – spiega il presidente Paolo Croso -. Grazie a Cordar Valsesia e al cofinanziamento della Regione Piemonte siamo riusciti a far partire un cantiere davvero importante non solo per l’entità economica, ma anche per l’ambiente e il turismo». E’ stata prevista la realizzazione di un nuovo impianto di depurazione prevalentemente interrato viste le rigide condizioni climatiche nel periodo invernale e, al tempo stesso, per limitare l’impatto ambientale.

Collegamento con Alagna

Cordar Valsesia pensa anche al secondo lotto finanziato con fondi propri: «In questo caso andremo a collegare al depuratore anche l’abitato di Alagna. Andremo ad approvare con progetto definitivo che permette di mettere a posto tutto l’asse. In questo caso stiamo parlando di un investimento da 700 mila euro – riprende Croso -. Dopo quello realizzato negli anni scorsi a Scopello, quello di Alagna è il più importante impianto di depurazione che sarà realizzato in alta Valsesia. Era importante portare quest’opera ad Alagna che è’ la punta di diamante della Valsesia dove il turismo si è sviluppato in modo esponenziale».

Lavoratori locali

Il primo lotto di cantiere è già a buon punto: «Siamo ormai agli sgoccioli – conclude Croso -. La ditta Bertini di Alagna ha eseguito l’intervento e siamo stati contenti anche del fatto che il lavoro sia rimasto in valle impegnando per lo più operai che vivono sul territorio. In questi momenti tenere il lavoro a casa propria è davvero importante anche per una ripresa economica».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Un Commento

  • alessandro belviso ha detto:

    queste sono le spese pubbliche che mi piacciono, opere che vanno fatte in tutti i Comuni, non sia però pretesto per aumentare il carico urbanistico e con esso l’impatto ambientale, nella sua valutazione (VIA) e non compatibilità. Stupisce che il depuratore non si sia fatto già decenni fa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *