Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Addio Francesco Cimmino Gibellini, avvocato appassionato di cultura
Attualità Novarese -

Addio Francesco Cimmino Gibellini, avvocato appassionato di cultura

Originario di Milano, ma storico amante della Valsesia. Aveva acquisito cascina San Michele e scritto saggi su monumenti della zona.

Addio Francesco Cimmino Gibellini, uno dei protagonisti della vita culturale valsesiana, autore di parecchi articoli e diversi volumi sulla storia dell’arte in zona.

Addio Francesco Cimmino Gibellini

E’ morto all’età di 77 anni il conte Francesco Cimmino Gibellini. Originario di Milano, dove risiedeva, è scomparso nella mattinata di venerdì 15 marzo nella propria abitazione, dopo una malattia contro la quale stava combattendo da mesi. Il conte Gibellini faceva parte di parecchie associazioni culturali della zona, e appena poteva tornava nella “sua” Valsesia . Il suo studio più famoso, sfociato nella pubblicazione di un volume, riguarda la chiesa di Sant’Anna a Borgosesia. A lui si deve anche il completamento di un grande archivio, formato da documenti importanti, consultato da parecchi storici.

La cascina San Michele

Di professione avvocato fiscalista, Cimmino Gibellini è stato un grande appassionato della Valsesia, soprattutto dell’arte che si è sviluppata nella zona a sud di Varallo; un amore che anni fa lo portò ad acquisire la cascina San Michele, al confine tra Grignasco e Prato Sesia, un edificio suggestivo con annesso un oratorio privato. Attualmente il complesso è gestito dalla figlia Elena con l’Ippica San Michele. Il funerale è stato celebrato nella mattinata di lunedì 18 marzo a Milano e la salma è stata tumulata nella tomba di famiglia nel cimitero Maggiore di Novara. Oltre alla moglie Maria Cristina Zavatti, lascia la figlia Elena e il figlio Enrico, avvocato come il padre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente