Seguici su

Attualità

Aib Borgosesia festeggia 40 anni: c’era anche uno dei quattro fondatori. Le foto

Pubblicato

il

Sul monte Aronne per la festa dei 40 anni di Aib Borgosesia. Benedetta la Madonnina dei volontari e un nuovo mezzo da utilizzare in operazioni in zone impervie.

Aib Borgosesia festeggia 40 anni

Sul monte Aronne per ricordare gli amici scomparsi. E quest’anno anche per festeggiare i quarant’anni di fondazione. Si è rinnovato domenica il raduno della squadra Aib e protezione civile di Borgosesia.

Al monte sono saliti in molti, per rivolgere gli auguri ai volontari che da quarant’anni si dedicano a tutelare il territorio dagli incendi e dai dissesti naturali. Da quarant’anni, ossia dal 1982, quando quattro borgosesiani (Carmelo Pastore, Franco Facciotti, Attilio Mora, Franco Caron) istituirono il primo nucleo dell’Antincendi boschivi per coordinare le operazioni di spegnimento di un incendio divampato proprio sul monte Aronne. Da allora, tanti altri volontari hanno raccolto il testimone e svolgono il servizio della squadra Aib sia sul territorio comunale che valsesiano, senza risparmiarsi a partecipare a emergenze che riguardano l’ambito nazionale.

Presente anche uno dei fondatori

Dei quattro fondatori, uno solo è ancora in vita, Pastore, classe 1929, che domenica ha voluto essere presente al raduno e rivolgere il proprio saluto. «Sono di Aranco, il mese prossimo avrò 93 anni. Per noi del posto, la nostra montagna è sempre stata importante, io sono uno degli ultimi, se non l’ultimo, che nel 1982 con altri amici abbiamo iniziato questo percorso, quasi a proteggere, quando era necessario, la nostra montagna, come fosse la nostra casa, iniziando solo con pale e rastrelli. Da allora molti interventi sono stati fatti, qualche volta anche fuori dal nostro territorio, nel tempo questa organizzazione si è evoluta e sviluppata. Sono molto contento che ci siano giovani che possano portare avanti questa nostra iniziativa e orgoglioso che si siano ricordati dei fondatori. Bravi ragazzi, un grande abbraccio da parte mia e da chi non può più essere presente».

Benedetta la Madonnina

La giornata sul monte Aronne è dedicata in particolare al ricordo dei due volontari Aib, Simone Locca (della squadra di Borgosesia, scomparso a 50 anni) e Tiziano Bonato (capogruppo della squadra di Roppolo). A loro memoria, dopo la messa celebrata dal vice parroco don Roberto, è stata benedetta la Madonnina dei volontari Aib. A fare gli onori di casa il caposquadra (e ispettore provinciale) Corrado Busnelli.

«Oggi è una giornata speciale perché vogliamo essere ancora una volta riuniti per ricordare i nostri cari amici Simone e Tiziano, e con loro, tutti gli Aib che sono andati avanti. È poi una giornata importante perché finalmente possiamo dire di avere acquistato un mezzo nuovo di squadra, grazie al contributo della Fondazione Crt, alla Provincia di Vercelli, alla Fondazione Valsesia e al Comune di Borgosesia. E soprattutto oggi è una giornata super importante perché 40 anni fa, quattro temerari, a seguito di continui incendi proprio su questo monte, hanno pensato bene di trovarsi una sera al circolo di Aranco e formalizzare quello che già facevano nei nostri boschi, dando dato vita alla prima squadra antincendio boschivo di Borgosesia: la Squadra antincendi boschivi Monte Aronne. Questi uomini hanno lasciato un bel testimone visto che la squadra è andata avanti e oggi conta su 32 donne e uomini che giorno per giorno cercano di onorare quello che veniva fatto in passato. A volte mi fermo a pensare al passato e credo quanto sia bello immaginare queste persone che partivano nella notte, con pala e rastrello, per raggiungere il fuoco nei boschi. Per fortuna oggi le cose sono drasticamente cambiate, però non possiamo non ringraziare coloro che hanno dato il via a tutto quello che oggi si chiama Sistema antincendio boschivo».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Clicca per commentare

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *