Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Altra mazzata per la montagna: piste aperte solo per atleti di livello nazionale
Attualità Varallo e Alta Valsesia -

Altra mazzata per la montagna: piste aperte solo per atleti di livello nazionale

«Migliaia e migliaia di giovani atlete ed atleti appartenenti ai numerosissimi sci club presenti sui nostri territori non potranno né allenarsi né divertirsi».

Altra mazzata per la montagna: piste aperte solo per atleti di livello nazionale. Zona rossa anche il colore di Capodanno e dell’Epifania, visto che le stesse restrizioni varranno anche il 31 dicembre, l’1, il 2 e il 3 gennaio, e poi anche il 5 e il 6. Nelle altre giornate, invece, l’Italia sarà zona arancione: ci si potrà muovere all’interno del proprio comune senza la giustificazione (e chi abita nei piccoli centri potrà fare fino a 30 chilometri, senza però poter recarsi nel capoluogo di provincia).

 Altra mazzata per la montagna: piste aperte solo per atleti di livello nazionale

Le nuove restrizioni, però, colpiscono duramente ancora la montagna, dove non possono sciare i turisti, ma da oggi neppure gli atleti degli sci club, ad accezione di quelli delle squadre nazionali. Un’altra mazzata per l’economia delle vallate piemontesi, come sottolinea il presidente del Gruppo Lega Salvini in Regione Alberto Preioni: «Dopo una serie di decreti che potrebbero rivelarsi letali per la stagione sciistica del nostro Piemonte – commenta – è arrivata ancora una forte limitazione sull’agonismo, unica realtà attiva sui nostri monti in questi giorni: la Federazione degli sport invernali ha chiarito che solo gli atleti della squadre nazionali si potranno allenare nei giorni dichiarati rossi e grosse limitazioni ci sono anche per i giorni arancioni».

LEGGI ANCHE Covid Piemonte: più positivi ai tamponi ma calano i ricoverati

«Ancora una stretta immotivata – dichiara il Consigliere regionale canavesano Andrea Cane – per sci club e atleti che avevano già pianificato le attività per le prossime settimane. Nei giorni scorsi ho ricevuto una bella immagine dei giovanissimi atleti dello sci club di Forno che avevano organizzato un allenamento sulle piste di Prali, sempre attenti ai loro ragazzi non solo sulle piste ma anche nel rispetto delle regole di distanziamento e sicurezza. Ancora una volta la scure del Governo dimostra di cadere a caso, senza capire il danno che porterà. E sono danni che non si ristorano: perché laddove un atleta perde una stagione non sarà il contentino a portare muscolo e tempra, e peggio dove un giovane perderà la motivazione il Piemonte perderà un atleta futuro».

Sciatori

«Migliaia e migliaia di giovani atlete ed atleti appartenenti ai numerosissimi sci club presenti sui nostri territori non potranno né allenarsi né divertirsi sulle montagne innevate con i loro istruttori. L’ennesima misura imposta dal governo – aggiunge il consigliere regionale della Lega, Valter Marin – che non aiuta affatto l’occupazione sulle montagne piemontesi e dell’intero Paese».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *