Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Attese troppo lunghe per le analisi: protesta a Borgosesia

GDL Salute

Attualità
0 commenti.

Attese troppo lunghe per le analisi: protesta a Borgosesia

Eraldo Botta, sindaco di Varallo, chiede di riorganizzare il sistema

Scritto da: fabianabianchi8@gmail.com

attese troppo lunghe

Attese troppo lunghe con lunghe code all’ospedale: il sindaco di Varallo chiede una riorganizzazione del servizio.

Attese troppo lunghe in ospedale

Il laboratorio di analisi dell’ospedale Santi Pietro e Paolo di Borgosesia vede formarsi spesso delle lunghe code. Così il sindaco di Varallo, Eraldo Botta chiede di riorganizzare il servizio. «Alcuni cittadini – dice Botta – mi hanno segnalato e mostrato con alcune foto la situazione delle lunghe code che ogni giorno si formano per accedere ai prelievi del laboratorio analisi dell’ospedale di Borgosesia. Tale stato di cose non si configura come l’erogazione di un servizio, ma un “tormento” al quale vengono sottoposte persone bisognose di una prestazione sanitaria».

Un problema noto

Il problema delle lunghe attese per il prelievo del sangue in realtà non è cosa nuova. Da tempo infatti coloro che devono effettuare delle analisi devono predisporsi per attese che brevi non sono. Non stupisce quindi il fatto che sempre più utenti si rivolgano a laboratori di analisi privati, che con un ticket poco più alti di quelli richiesti dall’ente pubblico, effettuano lo stesso tipo di servizio. Con tempi di attesa decisamente più brevi. Perché comunque, anche questo va detto, i ticket per le analisi (sempre a seconda della tipologia) all’ospedale sono tutt’altro che a buon mercato.

La tecnologia

«I servizi – prosegue il sindaco – vanno meglio programmati per ridurre i tempi di attesa. Chiedo pertanto di intervenire al più presto, affinché un servizio così essenziale e di base venga reso al massimo della sua efficienza, senza creare disagi a chi è già afflitto da altri pensieri».
Botta suggerisce di utilizzare la tecnologia disponibile. «Mi sembra assurdo che oggi, con tutti gli strumenti tecnologici esistenti, non sia possibile organizzare un servizio largamente programmabile come quello delle analisi. Ci sono applicazioni per il cellulare che danno le previsioni meteo, addirittura si può prenotare la ricarica per l’auto elettrica; perché non ricorrervi anche per queste prestazioni mediche? I cittadini, che già pagano le tasse e il ticket, hanno diritto ad avere servizi che funzionano».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente