Attualità Gattinara e Vercellese -

Bimbi di Rovasenda scoprono da vicino il lavoro dell’apicoltore

Interessante incontro nell'ambito dell'iniziativa “Cosa farò da grande?”.

Bimbi di Rovasenda conoscono le api e il loro prezioso lavoro nell’ambito dell’iniziativa “Cosa farò da grande?”.

Bimbi di Rovasenda alla scoperta delle api

Una giornata di scoperte alla scuola dell’infanzia di Rovasenda: fra i banchi è arrivato Ruggero, che di mestiere fa l’apicoltore e possiede una azienda agricola a Sagliano Micca, nel Biellese. Le insegnanti Paola Gerodetti, Nicoletta Pedruzzi, Serena Pensa, a completamento della programmazione di questo mese, “Cosa farò da grande?”, per cui sono stati trattati ambiente, fioriture, e il mestiere dell’apicoltore, hanno pensato di invitare Ruggero alla scuola dell’infanzia a raccontare il mondo delle api.

LEGGI ANCHE: Rovasenda: il biodistretto del riso si allea con la rete semi rurale

Gli attrezzi del mestiere

Quest’ultimo ha portato con sé tanti oggetti che usa quotidianamente nel suo lavoro, da mostrare ai bambini: un grande cartellone che illustrava la gerarchia della loro specie, una teca didattica, l’abbigliamento di un apicoltore per bambino, alcuni vasetti di miele. Ha parlato alla piccola platea attenta spiegando come e perché le api producono il miele, come si cibano, come vivono.. Il signor Ruggero ha poi svelato una meravigliosa teca didattica, precedentemente coperta da un telaio di legno, rappresentante una piccola arnia, e dove si potevano scorgere, dietro il vetro di protezione, le api.

Api al lavoro

Era tutto un brulicare di api operaie, sempre in movimento, mentre l’ape regina era ferma a deporre l’uovo in una celletta. Ogni bambino si è soffermato davanti alla teca per individuare l’ape regina, che è leggermente più grande ed era immobile. Divertente è stato indossare la “maschera”, un copricapo che usa l’apicoltore, munito di rete per proteggersi dalle punture delle api, che era stato indossato dai figli di Ruggero.
Chissà, un domani, forse, qualcuno di questi bambini lo indosserà, orgoglioso del suo prezioso lavoro… Un grazie di cuore a Ruggero Zorio, per averci fatto conoscere un mestiere interessante e un piccolo animale, l’ape, utilissimo per l’ecosistema e per l’ambiente.

Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *