Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Biscottificio Cervo chiesto il concordato e chiuso lo spaccio
Attualità Fuori zona -

Biscottificio Cervo chiesto il concordato e chiuso lo spaccio

La nota positiva è che prevale la ferma volontà di continuare l’attività attraverso un apposito piano di ristrutturazione aziendale per uno dei simboli del Biellese.

Biscottificio Cervo chiesto il concordato e chiuso lo spaccio. La crisi economica colpisce anche il settore dolciario biellese.

Biscottificio Cervo chiesto il concordato e chiuso lo spaccio

Come riporta La Provincia di Biella.it, il Biscottificio Cervo è in difficoltà tanto che la scorsa settimana è stata presentata l’istanza di concordato preventivo. Un passaggio delicato e difficile per la stessa proprietà e per i sei dipendenti dello stabilimento, anche se prevale – ed è questa la nota positiva in uno scenario complicato – la ferma volontà di continuare l’attività attraverso un apposito piano di ristrutturazione aziendale.

LEGGI ANCHE Brandamour, arrivano i soldi per la cassa integrazione

Insomma, la parola d’ordine è superare l’attuale momento di crisi e non interrompere la lunga storia di uno dei marchi più conosciuti del territorio anche al di fuori del territorio stesso, a dimostrazione dell’ottima qualità della produzione. Nel frattempo tra le prime conseguenze della presentazione della richiesta di concordato c’è stata la chiusura nei giorni scorsi dello spaccio aziendale di Chiavazza dove ha sede anche l’unità produttiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente