Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia controlli serali per le mascherine, ragazzi avvisati
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia controlli serali per le mascherine, ragazzi avvisati

I controlli hanno riguardato tutte le attività commerciali del centro cittadino.

Borgosesia controlli serali per le mascherine in tutte le attività commerciali.

Borgosesia controlli serali per le mascherine

Intensificati i controlli a Borgosesia, soprattutto nel fine settimana. «Ringrazio i Carabinieri per aver fatto rispettare il dpcm che impone l’uso delle mascherine – scrive su facebook il sindaco Paolo Tiramani -, in attesa che venga espletato il concorso della nostra polizia municipale. In più di una occasione hanno intimato a gruppi di ragazzi di indossare la mascherina senza elevare contravvenzioni, ma usando parecchio buonsenso. I controlli hanno riguardato tutte le attività commerciali di Borgosesia».

Ragazzi imperterriti

Di seguito una testimonianza del borgosesiano Mathias Milanolo, insegnante, sempre postata su facebook. «Ore 22.40 circa. Esco dalla Pro loco di Borgosesia dopo le prove con la banda. Fuori dal baretto vicino ci saranno stati almeno 30/40 ragazzini in piedi a chiacchierare uno appiccicato all’altro. Non uno, ripeto, non uno, con la mascherina messa dove dovrebbe stare».

Nessuna regola fuori dalla scuola

«Ora io dico, tra qualche giorno inizierà la scuola e noi insegnanti insieme a tutto il personale, ai ragazzi e alle famiglie saremo tenuti giustamente ad osservare un protocollo molto rigido per garantire la sicurezza di tutti e per permettere finalmente il rientro a scuola dopo mesi. Stiamo facendo i sierologici, stiamo attrezzando le aule, le mense, i bagni e ogni spazio possibile e immaginabile, come insegnante di sostegno probabilmente dovrò andare in aula bardato che nemmeno Fantozzi alla partita di tennis… Però mi chiedo a cosa servirà se poi appena fuori da quel portone non esisteranno più regole, se poi tutti si sentiranno legittimati a fare ciò che vogliono in barba alla propria e altrui salute?». 

Gli adulti diano l’esempio

«Credo molto nei ragazzi (se no non farei questo lavoro) e proprio per questo penso che vadano educati affinché possano esprimere quotidianamente sempre la versione migliore di loro stessi e possibilmente un domani essere adulti migliori di noi. Tante volte infatti siamo noi “grandi” i primi a non seguire le regole e di conseguenza a legittimarli nel non farlo. Un sacco di adulti se ne stanno fregando della mascherina: con che diritto possono chiedergli di indossarla?». 

Un’attenzione verso gli amici

«Ragazzi, rispettiamoci e rispettatevi. Indossare la mascherina non serve tanto a proteggere noi stessi, ma le persone a cui stiamo vicini. Se volete bene ai vostri amici, se ci tenete, indossatela, lo fate per loro e loro per voi». 

Immagine di repertorio.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *