Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia lascia il cane chiuso due ore in auto: multa di 100 euro
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia lascia il cane chiuso due ore in auto: multa di 100 euro

I vigli urbani hanno forzato la portiera e fatto uscire l'animale, rintracciando nel frattempo il conducente, che era seduto a pranzo.

Borgosesia lascia il cane chiuso in auto: multa di 100 euro. I vigli urbani hanno forzato la portiera e fatto uscire l’animale, rintracciando nel frattempo il conducente, che era seduto a pranzo.

Borgosesia lascia il cane chiuso in auto: multa di 100 euro

Aveva parcheggiato vicino al municipio e se n’era andato a pranzo, lasciando dentro l’auto il cane che aveva con sè. Un atto che a un biellese è costato 100 euro di multa. La sanzione è stata elevata ieri, giovedì 8 agosto, dai vicili urbani di Borgosesia. L’uomo aveva lasciato il suo cane chiuso in auto sotto il sole per più di due ore. «L’animale aveva la lingua penzoloni ed era evidentemente sofferente – riferisce il sindaco Paolo Tiramani, che ha seguito tutta l’operazione – dal numero di targa siamo quindi risaliti al nome del proprietario dell’auto ed in alcuni minuti la polizia municipale lo ha rintracciato, comodamente seduto a pranzo. Nel frattempo l’auto era stata aperta ed era stato fatto uscire il povero cane, di taglia medio-grande, in chiaro stato di sofferenza essendo stato lasciato per almeno due ore in auto con una temperatura decisamente elevata e senza acqua».

Arriva il padrone del cane e si accende la discussione

Quando il proprietario del cane, che è risultato essere il padre dell’automobilista, è arrivato sul posto, invece di scusarsi ha cercato di negare il problema, sostenendo che l’animale non avesse problemi. Un comportamento che non gli ha portato bene, irritando ulteriormente il primo cittadino.  «Un episodio che deve diventare paradigmatico  – sottolinea ancora il sindaco Tiramani -: gli animali si trattano bene, altrimenti scattano le sanzioni, di cui quelle amministrative sono solo il primo gradino». Da ricordare, in tema di animali, che solo a giugno il Comune di Borgosesia aveva istituito una sorta di albo per disciplinare l’attività dei “gattari”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente