Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Borgosesia parco Magni chiuso per allerta meteo
Attualità Borgosesia e dintorni -

Borgosesia parco Magni chiuso per allerta meteo

«Si tratta ovviamente di una decisione a titolo cautelativo: siamo in costante contatto con la Protezione Civile regionale, dunque la situazione è monitorata»

Borgosesia parco Magni chiuso per allerta meteo. Per tutta la giornata di oggi, lunedì 21 ottobre, cancelli chiusu al parco cittadino.

Borgosesia parco Magni chiuso per allerta meteo

Il sindaco di Borgosesia Paolo Tiramani e l’assessore con delega al Parco Magni Eleonora Guida, hanno deciso di chiudere il Parco Magni per tutta la giornata di oggi, lunedì 21 ottobre, a seguito del bollettino della Regione Piemonte, che per il territorio della Valsesia indica il livello di allerta arancione, quindi elevato per fenomeni diffusi, rischio di locali allagamenti e fenomeni di versanti, con incremento dei corsi d’acqua.

Allerta meteo

«Visto l’allerta diramato dalla Regione – spiega l’Assessore Eleonora Guida – e visto che il Parco Magni è quotidianamente molto frequentato, anche da bambini, abbiamo deciso di chiuderlo per la giornata odierna, riservandoci per i giorni successivi di valutare sulla base delle previsioni e delle indicazioni della Protezione Civile. Il nostro parco è ricco di alberi di grandi dimensioni che, seppur molto curati e seguiti, potrebbero risultare pericolosi in caso di eventi temporaleschi forti: un ramo potrebbe venire divelto e creare danni alle persone. Inoltre – aggiunge Guida – il Sesia scorre proprio a lato del Magni, quindi anche un’eventuale piena costituirebbe ulteriore motivo di rischio. Per questo, insieme al Sindaco, abbiamo deciso che a tutela dei cittadini la cosa migliore è chiudere l’area».

LEGGI ANCHE Allerta meteo: l’Unione montana telefona e avverte i cittadini

Decisione a titolo cautelativo

Rassicura i cittadini il sindaco Tiramani: «Si tratta ovviamente di una decisione a titolo cautelativo: siamo in costante contatto con la Protezione Civile regionale, dunque la situazione è monitorata in modo che il territorio non possa in alcun modo rappresentare un rischio per le persone»

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente