Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Chitarrista Bornate suona con altri mille a Francoforte
Attualità Serravalle e Grignasco -

Chitarrista Bornate suona con altri mille a Francoforte

Marco Trapella ha partecipato al “Rockin’1000” , evento di portata internazionale per chi ama suonare

Chitarrista Bornate suona con altri mille a Francoforte.  C’era anche un pizzico di Serravalle al gran concerto di “Rockin’1000”.

Chitarrista Bornate suona con altri mille a Francoforte

Il chitarrista bornatese Marco Trapella ha partecipato anche quest’anno ad un evento musicale di portata internazionale. L’iniziativa riunisce strumentisti da ogni parte del mondo in una località e dà loro modo di esibirsi in uno stadio particolarmente importante a livello europeo. «L’edizione 2019 è stata un po’ diversa rispetto al solito – spiega Trapella –. Due le location che sono state studiate per accogliere i musicisti: Parigi e Francoforte. Io e il mio amico tastierista Cristian Baldini siamo andati nella città tedesca dove si sono ritrovati 1200 musicisti provenienti da diverse parti del mondo ed è stato davvero una esperienza straordinaria».

LEGGI ANCHE Serravalle nel concerto record: 1500 strumentisti

Avventura

L’avventura dei valsesiani è durata un intero fine settimana. «Siamo partiti da casa con le parti che abbiamo avuto modo di studiare – prosegue Trapella -. Abbiamo affrontato un bel viaggio lo scorso week end e proprio venerdì sono cominciate le prove con tutti gli altri appassionati di musica. Domenica infine si è tenuto il concerto conclusivo. L’appuntamento è stato proposto nello stadio più importante di Francoforte, la Commerzbank Arena». Questo non è il primo anno che i due serravallesi decidono di far parte della pià grande band del mondo. «Partecipo sempre volentieri perchè è un’occasione per confrontarsi con altri amanti della musica e mettersi in gioco – conclude il bornatese –. E posso assicurare che non solo al concerto finale ma anche alle prove, la magia che si sprigiona quando tutti gli stumenti iniziano a suonare è pazzesca. E la cosa che è davvero straordinaria è che ogni anno gli organizzatori propongono anche qualcosa di nuovo per riuscire a coinvolgere sempre più persone».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente