Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola frana Rivò rischia di lasciare al freddo la frazione
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola frana Rivò rischia di lasciare al freddo la frazione

A rischio anche il collegamento con la rete elettrica a causa di un palo pericolante.

coggiola frana

Coggiola frana Rivò fa paura ai residenti: il rischio è quello di rimanere senza riscaldamento e senza elettricità.

Coggiola frana Rivò, i pericoli

I disagi non riguardano solo la circolazione: sono anche legati all’elettricità e al riscaldamento, che rischiano di saltare. A Rivò di Coggiola 35 persone sono collegate da un lembo di strada alla via provinciale, parte della carreggiata è stata portata via da una frana lo scorso novembre. Il Comune però non può più stare ad aspettare e per questo il sindaco Gianluca Foglia Barbisin ha firmato una ordinanza che dà il via ai lavori per un importo di 175mila euro.

Intervento urgente

«E’ un intervento che non possiamo più rimandare – spiega il primo cittadino -. Dalla Regione non abbiamo ancora avuto l’assegnazione del contributo, ma non possiamo attendere oltre. Erano stati proprio i tecnici regionali a fare il sopralluogo evidenziando la pericolosità della strada». Per un periodo infatti il collegamento era rimasto pure chiuso, poi per le festività natalizie era stato riaperto permettendo ai residenti di raggiungere con l’auto le proprie case. Ma è ancora vietato il transito dei mezzi pesanti.

Luce e gpl

Sono diverse le problematiche da risolvere. «Per prima cosa un’altra pioggia torrenziale come quella di fine novembre rischia di portarsi via l’intero collegamento – spiega il primo cittadino – e per questo è necessario intervenire il prima possibile». C’è anche una questione sicurezza legata al passaggio dei mezzi di emergenza.
Poi bisogna pensare anche ai residenti. «Le case sono alimentate da un bombolone Gpl – riprende -, ma un mezzo pesante non può raggiungere la frazione. Per ora la scorta c’è ancora, ma l’inverno è lungo e prima o poi bisognerà comunque riempire nuovamente il bombolone». A preoccupare poi c’è anche il palo della luce che si trova proprio sulla frana, basterebbe anche un minimo dissesto per farlo cedere e quindi lasciare la località senza luce.
Insomma diversi motivi che hanno spinto l’amministrazione a intervenire sperando che i fondi della Regione non tardino ad arrivare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente