Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola pensionata va a vaccinarsi, poi l’Asl chiama e le chiede…
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola pensionata va a vaccinarsi, poi l’Asl chiama e le chiede…

Disavventura (per fortuna senza danni) per una anziana residente in Valsessera

Porta la madre a fare il vaccino e la chiamano mezz’ora dopo a casa, chiedendole perchè non si era presentata all’appuntamento.  Disavventura per una anziana della Valsessera che martedì era prenotata per ricevere il vaccino alla Casa della salute di Coggiola.

Porta la madre a fare il vaccino

Viene accompagnata dalla figlia. «Ho portato mia mamma cinque minuti prima rispetto all’orario che ci avevano indicato e abbiamo trovato una coda che arrivava fin fuori il cancello – racconta la donna -. C’era un assembramento non da poco e già questo fa pensare, visto che ci dicono ovunque di evitare di stare insieme. Erano prenotati ottantenni e ultraottantenni, quindi c’erano persone anche molto anziane. Tutte fuori nel cortile sotto il sole e con a disposizione una sola sedia…»

LEGGI ANCHE Caos vaccini in Valsessera: sbagliate le convocazioni a Cossato e Biella

Una accoglienza che lascia perplessi: «Già queste persone fanno un vaccino, per di più devono fare una lunga attesa sotto il sole senza potersi neppure sedere». Alla fine l’anziana riceve il proprio vaccino 40 minuti in ritardo rispetto l’appuntamento. Tutto fila liscio e viene riaccompagnata a casa dalla figlia.

«Eravamo a casa da mezz’ora e squilla il telefono – racconta ancora la figlia -. Chiamavano dalla Casa della salute, cercavano mia mamma e ho spiegato che ero la figlia. A quel punto mi hanno domandato come mai non avessi portato mia mamma a fare il vaccino per cui era prenotata».

Stupore

Una domanda che ha lasciato la donna stupita: «Ho spiegato gentilmente che eravamo appena tornate a casa, e dall’altra parte mi hanno detto che evidentemente non avevano segnato la somministrazione… A questo punto però mi domando come viene organizzato il servizio: prima dell’iniezione fanno un interrogatorio in tre, poi stampano il certificato con le date del richiamo, hanno fatto firmare a mia mamma anche dei fogli. E dopo mezz’ora mi chiamano a casa chiedendomi perchè non si è presentata? Qualcosa non funziona… Lo segnalo per evitare pasticci in futuro».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *