Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Coggiola ritrova i ragazzi del “Malignani”: nel 1968 ripulirono il paese dal fango
Attualità Sessera, Trivero, Mosso -

Coggiola ritrova i ragazzi del “Malignani”: nel 1968 ripulirono il paese dal fango

Arrivarono da una scuola di Udine per aiutare la popolazione a fronteggiare la calamità

coggiola ritrova

Coggiola ritrova gli studenti della scuola Malignani di Udine: nel 1968 attraversarono il nord Italia per fornire aiuto alla Valsessera colpita dall’alluvione.

Coggiola ritrova i volontari del Malignani

Nel 1968 la Valsessera divenne meta di volontari da tutta Italia: furono tante, infatti, le persone che fornirono il loro aiuto per la zona colpita dall’alluvione. Fra di loro anche le classi dell’istituto tecnico “Malignani” di Udine, che partirono dal Friuli Venezia Giulia per giungere a Coggiola e Pray e portare il proprio contributo di forza lavoro. Sabato gli ex studenti si sono ritrovati per ricordare quella piccola impresa invitando a Udine gli amministratori comunali di oggi.

La visita

Sabato una delegazione di amministratori di Coggiola ha raggiunto Udine. Il sindaco Gianluca Foglia Barbisin con i consiglieri Luigi Facciotto e Carlo Penna è stato ospite degli ex allievi. «I ragazzi che nel 1968 vennero ad aiutare la popolazione di Coggiola e Pray hanno voluto invitarci per ricordare quell’importante episodio di solidarietà – spiega il sindaco Foglia Barbisin -. Dopo 50 anni anche gli ex allievi dell’istituto tecnico Malignani si sono ritrovati. Nel 1968 gli studenti che allora frequentavano la quarta e la quinta, spinti da uno spirito di solidarietà, decisero di raggiungere la Valsessera per dare il proprio contributo alla ricostruzione. E’ stato bello sentire le testimonianze».

Giovanissimi al lavoro

Decine di studenti, alcuni neppure maggiorenni, per due mesi vissero a stretto contatto con la popolazione di Coggiola e Pray ancora sconvolta dall’alluvione. C’è chi aiutò a spazzare le strade, chi a rimettere a posto le case, chi ancora a ripulire i telai invasi dal fango. Insomma una manovalanza importante. E per riconoscenza anni dopo a Coggiola venne inaugurata “via Istituto Malignani”, proprio in ricordo di quegli studenti che decisero di impegnarsi per il prossimo. «E’ stato bello conoscere questa storia – conclude Foglia Barbisin -. Abbiamo invitato gli ex studenti il prossimo anno nel nostro paese».

In occasione del cinquantesimo anniversario della calamità, è stato ospite della zona anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente