Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Comunioni Valduggia: il grazie dei bambini a don Dante
Attualità Borgosesia e dintorni -

Comunioni Valduggia: il grazie dei bambini a don Dante

Le emozioni hanno fatto da filo conduttore alla particolare cerimonia.

Comunioni Valduggia: il grazie dei bambini a don Dante.  Il sacramento è stato impartito dal parroco don Dante Airaga e da padre Raymond, sacerdote che ha seguito con le catechiste, i bambini durante il catechismo.

Comunioni Valduggia: il grazie dei bambini a don Dante

A ricevere la prima comunione sono stati Giulia Diletta Ambricco, Giacomo Bregliano, Giorgio Brignone, Riccardo Fornara, Celeste Galletti, Francesco Geminian, Lorenzo Gilardi, Mattia Jani, Alessia Sappa, Marco Simionato. La messa nella parrocchiale di Santa Maria è stata animata dai canti del coro parrocchiale giovanile. La comunione di domenica ha rappresentato l’ultima cerimonia presieduta da don Dante Airaga, a pochi giorni dall’arrivo del nuovo parroco. Al sacerdote è stato dedicato un messaggio: «Caro don Dante, proprio il 4 ottobre 1953, sessantasette anni fa, entravi nella nostra vallata e da allora hai portato la tua luce pastorale nelle nostre case, ha avviato tanti bambini come noi al cammino nella luce del Signore. Proprio il 4 ottobre, l’Italia festeggia San Francesco, il santo della pace e del bene, e tu Francesco hai insegnato con il tuo esempio questi valori a tanti bambini come noi. A nome di tutti i bambini che da allora hai benedetto con le tue grandi mani vogliamo dirti: Grazie don Dante e tanti auguri Francesco».

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Foto di Sandro Midolo

 

Un Commento

  • L. ha detto:

    “Grazie a Don Dante Airaga”? Andrebbe denunciato per mancata vigilanza sui bambini e per il non rispetto del Dpcm Ministeriale, in materia di prevenzione sanitaria. Nessuno in foto, compreso quindi il Parroco, indossa correttamente la mascherina per la protezione da Covid-19. Ma i genitori di questi ragazzini, dov’erano?
    È la dimostrazione di quanto la Chiesa, oggi, appaia inadeguata e superficiale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *