Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Fondazione Valsesia: la “cassaforte” del territorio realizza il sogno di Buonanno
Attualità Borgosesia e dintorni -

Fondazione Valsesia: la “cassaforte” del territorio realizza il sogno di Buonanno

Obiettivo: supportare iniziative e progetti a favore del territorio

fondazione valsesia

Fondazione Valsesia: uno dei progetti di Gianluca Buonanno per il territorio è diventato realtà.

Fondazione Valsesia il progetto

L’idea fu di Gianluca Buonanno: una “cassaforte” tutta Valsesiana che possa raccogliere e distribuire risorse, finanziando progetti locali indirizzati al miglioramento della qualità della vita, alla promozione della solidarietà e in generale al bene del territorio. Ora il progetto si è fatto concreto. Il primo passo è stato fatto lunedì: nel municipio di Borgosesia è stato firmato, alla presenza del notaio Giuseppe Torelli, l’atto costitutivo di Fondazione Valsesia. Dal punto di vista giuridico si tratta di una “fondazione di comunità”, che negli obiettivi dei promotori è destinata appunto a diventare un punto di riferimento per tutta la Valsesia.

Il comitato

Il comitato promotore ha avuto come punto di riferimento Laura Cerra, ex sindaco di Borgosesia, intorno alla quale si sono radunati altri promotori: Emanuela Buonanno, Davide Franchi, Piera Goio, Dorino Locca, Arduino Vettorello e Luciano Zanetta. Sono loro i componenti del Comitato promotore nato nel mese di giugno 2018 con lo scopo di reperire i fondi necessari alla costituzione, dovendo rispondere ai requisiti patrimoniali previsti dall’Ordinamento per le fondazioni di comunità.
«Fondamentale – spiegano i promotori – è stata la partnership con due Fondazioni bancarie: la Compagnia di San Paolo e la Fondazione Cassa di risparmio di Vercelli, che insieme ai Comuni di Borgosesia e Varallo hanno contribuito economicamente alla creazione di tale fondo in seno al Comitato, scioltosi ora con la costituzione della Fondazione in cui essi sono confluiti».

In Regione

Al termine delle normali procedure burocratiche, la Fondazione Valsesia verrà presentata in Regione Piemonte per il riconoscimento ufficiale. Oltre ai soggetti promotori del Comitato, che sottoscrivendo l’atto costitutivo sono divenuti membri del primo consiglio di amministrazione, hanno sottoscritto in qualità di testimoni firmatari il collaboratore del notaio William Borghi e lo storico sindaco di Sabbia Rag. Carlo Frigiolini. Erano presenti anche il sindaco di Borgosesia Paolo Tiramani, il presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Vercelli Fernando Lombardi, il sindaco di Varallo Eraldo Botta e l’ex sindaco di Sabbia Carlo Stragiotti in qualità di segretario. Laura Cerra è stata nominata ad interim primo presidente, affiancata da Davide Franchi come vice presidente, ruolo che anch’egli già ricopriva nel precedente Comitato.

Le attività

Una volta riconosciuta, la Fondazione Valsesia sarà giuridicamente operativa e pronta a iniziare la propria attività sul territorio. Come? «Prima di tutto – spiegano ancora i promotori – ci sarà un tour promozionale in varie tappe su tutto il territorio valsesiano. Gli incontri saranno finalizzati alla presentazione di quello che operativamente una Fondazione di Comunità compie come attività sul territorio».
L’idea, come detto, era già stata tratteggiata a suo tempo da Gianluca Buonanno. Ma anche Riccardo Minoli era stato tra quelli che avevano appoggiato e lavorato per la Fondazione. Due personaggi che non potevano non essere ricordati in questo momento.

L’anno scorso fu lanciata invece la fondazione Buonanno per le persone bisognose di aiuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente