Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara-Lenta: per il Tar è fusione, non incorporazione
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara-Lenta: per il Tar è fusione, non incorporazione

Respinto il ricorso presentato dal comitato lentese “Non conFondiamoci”.

gattinara-lenta

Gattinara-Lenta, a novembre il referendum: il tar ha respinto il ricorso presentato dal comitato.

Gattinara-Lenta, il ricorso

Il Tar dice no al ricorso contro la fusione Gattinara-Lenta: l’iter può dunque procedere. Il Tar del Piemonte ha rigettato il ricorso presentato dal comitato lentese “Non conFondiamoci”, con cui venivano impugnate le delibere dei due consigli. Nonostante fosse stato presentato il ricorso, successivamente integrato con l’istanza di sospensiva cautelare, la Regione ha proceduto ugualmente a indire il referendum, che si terrà l’8 e il 9 novembre. Nelle scorse ore è arrivata anche la decisione del Tribunale amministrativo regionale, che avvalla l’iter. La motivazione con la quale il Tar ha respinto la domanda cautelare dei ricorrenti si fonda in particolare sul fatto che il progetto di fusione tra Lenta e Gattinara preveda la creazione di un nuovo Comune, non di una incorporazione, con organi che saranno scelti tramite nuove elezioni, a differenza di quanto sostenuto dal comitato del No.

Incorporazione e fusione

«Il ricorso – recita l’ordinanza del Tar – appare comunque sfornito di fumus boni iuris in quanto le deliberazioni impugnate appaiono prevedere la creazione di un nuovo Comune, con organi che saranno scelti tramite nuove elezioni e non un’incorporazione del Comune di Lenta in quello di Gattinara». «Siamo particolarmente soddisfatti della decisione del Tar – commentano i sindaci di Lenta e Gattinara, Daniele Baglione e Giuseppe Rizzi – perché per mesi la macchina della disinformazione ha cercato di confondere i nostri cittadini, in particolare i lentesi, puntando tutto sul fatto che si trattasse di una incorporazione e non di una fusione ordinaria, questo per insinuare il dubbio e la paura nelle persone. Insinuazione che ora grazie al tribunale con la sua chiara sentenza è stata completamente spazzata via. Spiace solo che, per arrivare a una verità ovvia e nota a tutti fin da subito, il “Comitato del No” abbia costretto i Comuni a doversi costituire in giudizio. Gattinara e Lenta non hanno mai voluto una incorporazione, per un semplice motivo, vogliamo costruire un nuovo Comune, insieme e alla pari. Non c’è un Comune grande che mangia un Comune piccolo come i No volevano far credere».

Il comitato del sì

Nel frattempo si è costituito anche il comitato del Sì. «Per fortuna la sentenza del Tar è arrivata in tempo utile, consentendo di essere informati adeguatamente e poter decidere consapevolmente al referendum dell’8 e 9 novembre – commentano due componenti del comitato del Sì, Enrico Segatto ed Enrico Boniolo –. Ora che l’ennesima disinformazione fatta circolare ad hoc nei mesi scorsi è crollata, facendo spendere soldi pubblici inutilmente, speriamo di poter ragionare su argomenti concreti». Intanto sono già stati programmati altri quattro incontri pubblici fissati per i giorni 16, 17 e 30 ottobre e 4 novembre a Lenta e a Gattinara. Per il referendum si voterà domenica 8 (dalle 7 alle 23) e lunedì 9 novembre (dalle 7 alle 15). Gli elettori che a causa di un’infermità o di altre patologie non possono recarsi ai seggi possono chiedere di votare al proprio domicilio, compilando il modulo, scaricabile dal sito del Comune e telefonando ai numeri 0163-824 303 o 0163-824305, dalle 9 alle 13 di tutti i giorni. La domanda deve essere presentata all’ufficio elettorale del Comune di Gattinara entro lunedì 19 ottobre.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *