Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara ospita il convegno sulla banda ultralarga
Attualità, Economia e scuola Gattinara e Vercellese -

Gattinara ospita il convegno sulla banda ultralarga

Martedì 1 ottobre si discuterà di impatto e prospettive per il sistema produttivo, con un focus particolare sulle province di Novara e di Vercelli.

Gattinara ospita il convegno organizzato da Confindustria Piemonte, Enterprise Europe Network (Een) e Confindustria Novara Vercelli Valsesia (Cnvv).

Gattinara ospita il convegno sulla banda ultralarga

Aggiornare imprese ed enti sullo “stato dell’arte” dell’Agenda digitale e del Piano per la banda ultralarga della Regione Piemonte, con un focus sui territori delle province di Novara e di Vercelli. È quanto si propone il convegno intitolato “La banda ultra larga e l’Agenda Digitale della regione Piemonte – Impatto e prospettive per il sistema produttivo”, che si terrà martedì 1 ottobre, alle 14, nella sala polifunzionale di Villa Paolotti, in corso Valsesia a Gattinara.
LEGGI ANCHE: Stragi di alberi per far passare il 5G? Segnalati casi anche in zona | VIDEO

Piemonte deve rimettersi in gioco

L’incontro metterà a confronto i principali operatori del settore, a livello nazionale e locale. «Si tratta di un incontro di grande importanza per il sistema imprenditoriale dei nostri territori – spiega il presidente di Cnvv, Gianni Filippa (in foto) – ma anche per gli enti pubblici e i cittadini, che non possono fare a meno di una efficiente e capillare infrastruttura di connettività basata sulla fibra ottica: una precondizione fondamentale per lo sviluppo, tanto a livello economico quanto a livello sociale. Le nostre aziende affrontano tutti i giorni un mercato sempre più aggressivo, operando in un contesto infrastrutturale a dir poco sfavorevole: lo scenario piemontese, infatti, si colloca in un’Italia che l’indice “Desi 2018” posiziona al 25° posto sui 28 paesi europei e in un’Europa che, secondo l’Ict Development Index dell’Onu, “zoppica” dietro ad altre aree digitalmente più sviluppate nel mondo. Non possiamo permetterci di rimanere in queste condizioni».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente