Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Gattinara strage di pesci nel canale rimasto all’asciutto
Attualità Gattinara e Vercellese -

Gattinara strage di pesci nel canale rimasto all’asciutto

Nel tratto che dall’ex Colonia Bertotto porta a Ca’ d’Assi sono stati avvistati numerosi animali senza vita.

gattinara strage

Gattinara strage di pesci nel canale: un tratto di un chilometro è stato invaso dalle carcasse degli animali.

Gattinara strage di pesci

Triste destino per i banchi di pesci che vivevano in un tratto di canale a Gattinara. Sono ripartiti i lavori per la sistemazione della roggia Molinara e ovviamente per permetterne l’esecuzione è stato necessario mettere in salvo i pesci prima di prosciugarla. Ma qualcosa evidentemente non è andato per il verso giusto. Sta di fatto che nei giorni scorsi il tratto che dall’’ex Colonia Bertotto porta a Ca’ d’Assi, lungo circa un chilometro, era disseminato di carcasse di pesci. Lunedì 7 e martedì 8 ottobre pescatori, cercatori di chiodini e passeggiatori scesi nel canale ormai privo d’acqua si sono imbattuti in uno spettacolo decisamente poco piacevole. Tanto da far dubitare che l’intervento di recupero degli animali sia stato effettuato anche in quel tratto di canale. Sui social poi sono state pubblicate diverse immagini che testimoniano la moria di pesci, con tanto di commenti indignati.

Il recupero del pescato

«I lavori alla roggia sono di competenza dell’ente idrico – dice il sindaco Daniele Baglione – ma di certo i recuperi del pescato sono stati effettuati dagli enti preposti. Non è la prima volta però, quando si prosciuga il canale, che questo accade». Sicuramente la maggior parte del pescato è stato salvato, ma la scorsa settimana sul letto del corso d’acqua giacevano non pochi pesci morti o agonizzanti, molti dei quali diventati pasto per i cormorani. La roggia, che porta al lavatoio, è stata prosciugata agli inizi di ottobre per permettere l’esecuzione dei lavori che ne cancelleranno la sede attuale; diverrà in parte in canale cementizio e in parte tubo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente