Seguici su

Attualità

Geometri Gattinara: le piante esterne “invadono” le villette vicine | LE FOTO

Pubblicato

il

Geometri Gattinara

Geometri Gattinara: disagi per i residenti delle villette vicine all’istituto a causa dell'”invasione” della vegetazione.

Geometri Gattinara e le piante

Siepi e alberi troppo “invadenti”: i residenti nelle villette di via Volta lamentano disagi per via della vegetazione che delimita la recinzione del vicino istituto geometri di Gattinara. Al momento non hanno avuto risposte dalla Provincia di Vercelli, ente che ha la competenza sul plesso scolastico e, quindi, che si occupa della manutenzione. Come già successo negli anni passati, gli abitanti delle villette a schiera di via Volta, civico 31, si sono ritrovati il vialetto pedonale da cui si accede alle case, che confina con il terreno dell’istituto tecnico geometri “Cardinal Mercurino”, oscurato da una folta vegetazione cresciuta senza controllo.

Fai scorrere le immagini per vedere tutte le fotografie

I passaggi

Ovviamente gli alberi, così alti e dalle chiome così voluminose, tolgono la luce alle case e stanno invadendo il passaggio pedonale. Dalla cinta in cemento, effettivamente, sporgono le ramaglie riducendo la larghezza del camminamento che immette nei giardinetti delle varie villette. E soprattutto le piante sono cresciute in altezza, superando anche di due metri l’altezza della cinta, che è rialzata di sei metri rispetto al piano del cortile dell’istituto geometri. «Abbiamo scritto più volte sia alla Provincia che al preside dell’istituto geometri – dice Tonino Sangiorgi, uno dei residenti – ma niente, non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Quando si tratta dei cittadini, noi dobbiamo sempre essere pronti a rispettare le regole, mentre quando si tratta di un ente pubblico va bene tutto. Tra l’altro non ci sono neanche i sei metri di distanza dalla cinta, perché altrimenti si sarebbe perso lo spazio per costruire la pista d’atletica».

I disagi

Dalle vetrate delle loro villette gli abitanti di via Volta 31 vedono una muraglia di rami e alberi che tronca l’orizzonte, riducendo la luminosità dei loro giardini e la quantità di luce naturale che entra all’interno dei locali. Inoltre i rami sconfinano abbondantemente dentro la proprietà e si appoggiano con il loro peso sulla cinta delle villette, che si trovano lì da decenni prima della scuola superiore. Un altro problema è la tenuta della recinzione delle villette a schiera, realizzata con un materiale che assorbe l’acqua. Ma un conto è l’acqua piovana, un altro è l’acqua che gronda dagli alberi e non ha modo di scorrere, che appesantisce quindi il manufatto.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

1 Commento

1 Commento

  1. Luca

    15 Novembre 2020 at 19:25

    Beh ? di nuovo i dipendenti della PA. Dovevo farlo io? No forse tu? Glielo dico al Direttore? Ma no ci penserà qualcuno……

Tu cosa ne pensi?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *