Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Non vogliamo Sgarbi testimonial della Valsesia | LA LETTERA
Attualità Borgosesia e dintorni -

Non vogliamo Sgarbi testimonial della Valsesia | LA LETTERA

L’altra settimana il critico d’arte portato fuori di peso dalla Camera. «Vogliamo altri modelli per il territorio».

polemica sgarbi

Non vogliamo Sgarbi testimonial della Valsesia: «Vogliamo altri modelli per il territorio».

Non vogliamo Sgarbi testimonial della Valsesia

Dai portavoce del Comitato Azione Valsesia riceviamo e pubblichiamo. «Nelle scorse settimane è stato presentato a Varallo il progetto “Vacanze in Valsesia”, che vede in palio l’assegnazione di cento buoni di un valore pari a cinquecento euro da spendere sul territorio valsesiano tra il 17 luglio ed il 31 ottobre di questo anno. Nulla da dire, anzi, iniziativa degna di lodi, che se ben sviluppata potrebbe agevolare molto il turismo locale in un periodo critico come quello che stiamo vivendo. C’è però qualche obiezione da muovere al testimonial dell’evento, Vittorio Sgarbi».

Espulso dal Parlamento

«Infatti dopo la sua visita a Varallo è stato proprio il noto critico d’arte a pubblicizzare “Vacanze in Valsesia”, col fantasiosissimo slogan “chi non viene a Varallo capra è”! Nei giorni successivi lo stesso Vittorio non ha smesso comunque di far parlare di sé: infatti dopo uno scontro verbale con la vicepresidente della camera Mara Carfagna, in cui sono stati utilizzati termini molto offensivi, abbiamo assistito ad una scena pressoché fantascientifica, in cui il parlamentare in preda ad una crisi di nervi è stato accompagnato con la forza fuori dal parlamento».

Famoso per le sue sfuriate

«Questa, in ogni caso, non è stata certo la prima volta in cui il critico ferrarese ha dato sfogo alla sua irascibilità superando ogni limite della decenza, basti pensare ad esempio alle continue controversie nate con moltissimi personaggi famosi, come la sindaca di Roma Vittoria Raggi, il filosofo Massimo Cacciari, l’attore Roberto Benigni, il compianto presentatore Mike Buongiorno, il giornalista Marco Travaglio, il magistrato Antonio Di Pietro e moltissimi altri».

Un sindaco inaffidabile

«Sono peraltro noti i trascorsi di Sgarbi anche dal punto di vista amministrativo: ci sfugge infatti il numero dei comuni ove ha ricoperto la carica di sindaco senza completarne il mandato, forse neppure il primo anno (proprio come gli incarichi assessorili e regionali, abbandonati anch’essi “in corso d’opera”)».

Un testimonial più adatto

«Tralasciando infine le questioni giudiziarie che non ci competono, il dubbio che sorge spontaneo è quello di sapere se oggettivamente questo personaggio è il più adatto pubblicizzare la nostra Valsesia. Insomma, siamo sicuri che sia davvero questo l’uomo che deve rappresentarci? Per quanto ci riguarda i modelli a cui ispirarci, anche dal punto di vista della promozione del nostro territorio, con tutto il rispetto per le capre, sono ben altri».
Loris Ernesto Terrafino
Gian Paolo De Dominici

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

8 Commenti

  • Marco ha detto:

    Completamente d’accordo con il Comitato Azione Valsesia!
    Sgarbi è un buffone guitto pagato solo per le sue sceneggiate televisise e sarebbe una vergogna averlo come testimonial.

    • Roberto x ha detto:

      Sono d’accordo. Recita un ruolo ben preciso, ed è pagato profumatamente per questo.

      • Marilisa ha detto:

        Perché gli altri lacchè delle mafie,che abbiamo al governo non fanno forse la stessa cosa ?!Sveglia…

    • Laki ha detto:

      Io invece sarei d’accordo di mandare a casa, per non dire parolacce, tutti gli altri!
      Uno come Sgarbi lo vorrei come sindaco, come é stato il grande Buonanno, non tutti questi pagliacci che dicono una cosa poi ne fanno un altra.
      Non siete d’accordo?

  • VIRGINIA ha detto:

    SGARBI, CON IL SUO COMPORTAMENTO NON SEMPRE DIPLOMATICO, HA SPIAZZATO NON POCHE PERSONE,
    COMUNQUE DOBBIAMO RICONOSCERE IL GENIO
    E IL SAPER AFFRONTARE OGNI OSTACOLO.

    • Laki ha detto:

      Sgarbi é solo uno che dice le cose come stanno e non ha paura di mettere la faccia non come gli altri buffoni falsi che vanno dove tira il vento.
      Per quanto riguarda “Pagato” perché gli altri lavorano gratis, Conte con i suoi 5000 euro al giorno, farà fatica arrivare a fine mese.
      Che schifo di paese
      Un paese di ladroni falsi dittatori e tutti quelli che la pensano come loro

  • Paoletto ha detto:

    Laki quanta ragione hai su Buonanno..Ha dato e fatto tutto per la sua terra

  • Laki ha detto:

    Sono contento che qualcuno c’è che capisce il giusto!
    Se al governo ci fossero solo la metà come Buonanno, saremmo un stati un paese ricco e con pochi problemi.
    Invece ci sono solo merde schifose e alleati alla mafia!
    Intanto noi facciamo la fame.
    A me fa schifo tutti quelli che gli vanno ancora dietro, coglioni!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente