Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Ponte Romagnano, il sindaco ha timore di affrontare i cittadini? La lettera
Attualità Novarese -

Ponte Romagnano, il sindaco ha timore di affrontare i cittadini? La lettera

Il consigliere comunale Silvio Landolfa interviene sul tema.

Ponte Romagnano, il sindaco ha timore di affrontare i cittadini? La lettera

Ponte Romagnano, il consigliere comunale Silvio Landolfa interviene sul tema con una lettera.

Ponte Romagnano, il consigliere

Il consigliere comunale di minoranza Silvio Landolfa, di Romagnano Sesia, interviene sul tema del ponte con una lettera, che riceviamo e pubblichiamo. «Si apprende dal giornale locale che è stato richiesto un tavolo inter-istituzionale dal sindaco di Romagnano con gli enti territoriali ed Anas affinché vengano superati intoppi burocratici finora avvenuti. Peccato che il sindaco fin dall’inizio della vicenda abbia perso volutamente l’occasione, nell’organizzazione della conferenza stampa del 29 giugno, di invitare le opposizioni ma soprattutto i cittadini».

La popolazione

«Alla popolazione sarebbe sicuramente interessato apprendere da ciascun rappresentante invitato non solo la sua posizione ma quale iniziativa vorrebbe mettere in opera. Tutto ciò non è avvenuto quasi a voler sottolineare una paura di affrontare l’opinione pubblica. Cittadini e opposizione, se invitati, avrebbero potuto presentare anche per iscritto le proprie osservazioni, poiché tutti i giorni vivono il territorio nonché il grave disagio. Ancora una volta è mancata volutamente la trasparenza».

Tag:

Un Commento

  • Francesco ha detto:

    Salve amministratori… provate a fare un giro in mezzo alla gente e sentite quanto sono incazzate. Provate..ad ascoltare una volta la gente, che sia Gattinara, o Romagnano Sesia la gente non ne può più. E la cosa che fa più incazzare oltre i tempi biblici e sapere che avete approvato un progetto in affitto e che verrà a costare 5 milioni di euro e più…e chi lo pagherà…?? Ovvio la comunità. Non c’è più nulla d aggiungere a parte il fatto che nessuno si è preoccupato di questo aspetto. Anzi qualcuno si è azzardato a dire che non c’era scelta…si certamente era l unica scelta per poter sprecare 5 milioni di euro più TEMPO. Il solito spreco tutto a l italiana, come al solito i tempi cambiano ma la moda di fottere il prossimo no. Se iniziavate da subito con un ponte definitivo che era più sensato e logico a oggi si poteva già vedere qualcosa in piedi. Invece no a voi la normalità non piace e allora ponte in affitto e vai…! ! ! che idea illuminare.. con un progetto a 100 metri circa più a nord e poi bella sorpresa la ferrite. E vai con i valzer delle varie ditte per la bonifica di ordigni bellici forse mai esistiti in quel tratto ( così ho appreso dai giornali ) i tempi si allungano ancor di più e siamo qua a parlare di un progetto che un bambino avrebbe potuto fare meglio degli adulti. Una sola parola VERGOGNA… ! ! !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *