Notizia Oggi Borgosesia > Attualità > Quarona illumina il sentiero che sale a San Giovanni
Attualità Borgosesia e dintorni -

Quarona illumina il sentiero che sale a San Giovanni

Il progetto prevede punti luce sull’intera mulattiera (per renderla fruibile anche di sera) e due aree di sosta.

Quarona illumina il sentiero che sale a San Giovanni. All’appalto i lavori da 125mila euro.

Quarona illumina il sentiero che sale a San Giovanni

Più vicina la riqualificazione del sentiero che sale alla chiesa di San Giovanni al monte. Nella seconda metà di marzo si conoscerà l’azienda che dovrà procedere agli interventi per migliorare la fruibilità della mulattiera, in particolare con la completa illuminazione del percorso. Il Comune di Quarona ha dato tempo sino al 12 marzo per presentare le proposte.

Valorizzare l’area

Si tratta di un’opera da 125mila euro per la quale il Comune ha ottenuto un finanziamento dal Gal “Terre del Sesia” attraverso il bando per il recupero del patrimonio architettonico e naturale, da integrare con risorse proprie. Il progetto si prefigge di agevolare e migliorare l’accessibilità alla chiesa di San Giovanni, per una valorizzazione generale dell’area.

Illuminare il percorso

I lavori (che hanno ottenuto il via libera della Soprintendenza) prevedono come elemento caratterizzante l’illuminazione dell’intera mulattiera, ora priva di qualsiasi luce, per renderla fruibile anche in orario serale. Dalla chiesa di Santa Marta sino a San Giovanni verranno installati dei punti luce di altezze differenti a seconda del punto di collocazione, a ridotto impatto paesaggistico. Nuova illuminazione è prevista anche per la facciata della chiesa.

Altri interventi previsti

Sono poi da realizzare due aree di sosta con panchine e tavoli (e una fontana per quella a metà percorso), svolgere interventi di regimazione per il deflusso dell’acqua piovana e prevedere una pulizia completa di alberi e vegetazione per una fascia di alcune metri. Rientrano nel progetto anche interventi per la sistemazione dell’area intorno alla chiesa, il risanamento delle prime due cappelle e dell’ossario e il recupero del patrimonio paesaggistico e agro-pastorale.

Riqualificare il percorso fino alla Beata al monte

In prospettiva futura, il Comune punta a individuare ulteriori finanziamenti per proseguire l’opera di riqualificazione del percorso sino alla chiesa della Beata al Monte. A questo proposito è stata presentata domanda alla Fondazione Cassa di risparmio di Biella per ricevere un ulteriore contributo di 50mila euro.

LEGGI NOTIZIA OGGI DA CASA: IL TUO GIORNALE COMPLETO IN VERSIONE DIGITALE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *